Martedì, 19 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

L'Ue aprirà una procedura di infrazione contro l'Italia per non aver registrato i migranti

Secondo la Commissione sono circa 63mila i profughi arrivati sulle coste italiane di cui si sono perse le tracce

Pubblicato in Cronaca il 08/12/2015 da Redazione

Sono centinaia di migliaia i migranti sbarcati sulle coste italiane nell’ultimo anno. La macchina dell’accoglienza delle regioni meridionali è in seria difficoltà, i profughi vengono smistati velocemente nei centri di accoglienza del Centro e Nord Italia. Oltre al danno, anche la beffa: la Commissione Ue sembra seriamente intenzionata ad aprire una procedura di infrazione contro il Bel Paese con l’accusa di aver violato le regole comunitarie e non aver registrato completamente i migranti sbarcati. Il capo dipartimento Immigrazione del ministero dell’Interno, Mario Morcone, ha portato di persona una serie di nuovi dati a Bruxelles per scongiurare il caso. A ventiquattro ore dal verdetto, però, non risulta aver sortito ancora effetti.  

Le indagini sulla situazione italiana sono partite a fine agosto, quando la Commissione ha chiesto chiarimenti sui 63mila migranti non registrati in Italia. Il regolamento di Dublino prevede che sia il paese di prima accoglienza ad occuparsi della registrazione di chi arriva.