Sabato, 17 Agosto 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Imprese e famiglie pugliesi indietro con la digitalizzazione

Arrivano i suggerimenti di aziende e pubblica amministrazione per attuare le politiche e intercettare i fondi

Pubblicato in Cronaca il 08/11/2014 da Ilaria Milella
Sono stati presentati i primi esiti della nuova Agenda Digitale 2014 – 2020 Pugliese, approvata dalla Regione lo scorso agosto, presso la Camera di Commercio di Bari. L’Agenda si propone di strutturare le cadenze della nuova rivoluzione digitale che punterà a promuovere lo sviluppo delle attività economiche pugliesi tramite l’integrazione tra tecnologie abilitanti ed infrastrutture. Secondo le stime della nuova Agenda Digitale l’utilizzo del web come strumento di compravendita da parte delle imprese pugliesi è quasi inesistente. La percentuale delle transazioni eseguite dalle aziende locali è al di sotto delle stime nazionali: la percentuale degli acquisti effettuati varia tra il 9% e il 18% mentre la quota delle vendite non raggiunge il 10% del fatturato. Fondamentale sarà l’uso dei Fondi Europei che saranno messi a disposizione dell’Italia fino al 2020, stimati a circa 1,7 miliardi all’anno, che proverranno da Programmi operativi regionali e Programmi operativi nazionali.
L’intervento di Mario Citelli, responsabile innovazione CNA Area metropolitana Bari, ha messo in evidenza come il web, se usato in modo corretto, sostenga moltissime aziende a migliorare il proprio posizionamento, ovvero ad inquadrare la propria proposta in modo che possa trovare una collocazione privilegiata nel mercato di riferimento. Per Citelli una buona Startup deve avere il compito di ampliare l’area di interesse del proprio settore restando in contatto con le nuove esigenze degli acquirenti, generando un nuovo tipo di logica di mercato detta “Ad effetto Lego”. Nel 2014 sono state costituite in Puglia circa duecento nuove società, il cui rating ha mostrato un valore superiore nel settore delle nuove tecnologie, «CNA Innovazione supporta le PMI nel confronto con l'innovazione in termini di scelte interne alle aziende per lo sviluppo, ma soprattutto costruisce una offerta di innovazione aggregando le proposte di artigiani vecchi e nuovi, artigiani digitali nella accezione corrente, per rendere tutto il sistema più aggressivo rispetto al mercato»
Secondo Vito Cozzoli, capo di gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico, la Puglia è un territorio nuovo, capace di fare la differenza nel campo delle sfide del digitale. Il 57% del giro d’affari regionale che coinvolge le tecnologie della comunicazione e della informazione coinvolge imprese locali, solo altre tre regioni in Italia manifestano un tasso superiore.
Antonella Bisceglia, direttora Area Politiche sviluppo economico, lavoro e innovazione della Regione Puglia, ha discusso il programma di lavoro della Regione per i prossimi anni. I primi interventi dovranno individuare azioni ponte, da mettere in pratica immediatamente ma valide per il nuovo piano entrante. Primario sarà lavorare sui temi di riconversione del bisogno pubblico e sull’educazione. Sarà opportuno capire se gli strumenti messi in pratica dalla Regione siano idonei a creare figure innovative, capaci di rispondere alle nuove esigenze del mercato. La Piccola e Media Impresa avrà un ruolo centrale nel quadro degli incentivi alle imprese.
Per Domenico Favuzzi, presidente di Confindustria Puglia, la Puglia deve porsi come regione leader del cambiamento digitale, per ottenere questo sarà necessario fare squadra con le altre regioni e con il resto della Nazione, in modo da produrre un contributo valido per il futuro di tutti. «È per noi, pertanto, assolutamente prioritario e indispensabile – ha dichiarato Favuzzi - dare piena attuazione all’Agenda Digitale, tanto a livello nazionale che regionale, per favorire il passaggio da una politica dell’innovazione frammentata ad una politica coordinata ed efficiente». Ecco la dichiarazione di Antonella Bisceglia, direttora area Politiche sviluppo economico, lavoro e innovazione della Regione Puglia. (Guarda il video)


loading...