Mercoledì, 21 Agosto 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

28esimo anniversario dello sbarco della Vlora, Emiliano: 'Con il decreto sicurezza bis 20mila persone resterebbero in mare'

Il governatore pugliese: 'Non credo esista un solo barese che non provi un senso di emozione e orgoglio per la catena di solidarietà messa in moto il giorno dello sbarco'

Pubblicato in Cronaca il 08/08/2019 da Redazione

 “Se la nave Vlora fosse arrivata oggi, l’8 agosto 2019, invece che nel 1991, a due giorni dall’approvazione del Decreto Sicurezza bis, cosa sarebbe successo? Per motivi di sicurezza nazionale lo Stato italiano avrebbe lasciato 20mila migranti in mare”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nel giorno del 28esimo anniversario dello sbarco della nave Vlora a Bari.

“I baresi non avrebbero potuto alleviare nemmeno con un piccolo gesto la sofferenza di quei bambini, di quelle donne e di quegli uomini assiepati sulla nave – ha continuato Emiliano -. Li avremmo lasciati lì, alla deriva, al loro destino. Avremmo tolto loro quell’unica speranza nella illusione di tutelare i nostri confini e i nostri interessi, senza sapere che così facendo avremmo tolto a noi stessi un’occasione di crescita. Non credo esista un solo barese che non provi un senso di emozione e orgoglio per la catena di solidarietà messa in moto il giorno dello sbarco. 20mila albanesi, arrivati tutti insieme, furono accolti nel nostro porto dal popolo barese e dalle istituzioni. La gente scendeva dalle case con vestiti, coperte, cibo, per aiutarli in ogni modo possibile. Una pagina di umanità, civiltà, solidarietà racchiusa nelle parole del sindaco Enrico Dalfino: "Sono persone, persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro unica speranza".

“Di cosa potremmo essere fieri, oggi, come italiani, se arrivasse quella nave? Io vi posso dire solo una cosa: esiste una energia umana straordinaria, che la gente del Sud conosce bene, che spesso risiede nei luoghi del dolore, della rabbia, del disprezzo, e quella è un’energia che può cambiare il mondo. È per questo che ci sentiamo così vicini a chi vive situazioni certamente peggiori delle nostre e siamo pronti nonostante tutto, come popolo, ad aprire i nostri porti e le nostre porte oggi come allora. È la Storia che ce lo insegna”.

Lo sbarco della Vlora verrà ricordato oggi, a partire dalle 19, nel Teatro Margherita di Bari con l’inaugurazione della mostra fotografica collettiva “On board” (letteralmente “a bordo”) a cura di Phest, Festival internazionale di fotografia, che per parlare del mare punta gli obiettivi sui porti di tutto il mondo; la mostra è realizzata dal Comune di Bari con il sostegno di Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese e Pugliapromozione.



loading...