Lunedì, 14 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ilva: domani visita eurodeputati M5S allo stabilimento

La delegazione pentastellata terrà una conferenza stampa dopo la visita

Pubblicato in Cronaca il 07/04/2015 da Redazione
Domani; mercoledì 8 aprile, una delegazione di eurodeputati de lMovimento 5 Stelle, composta da Rosa D'Amato, Laura Ferrara, Eleonora Evi e Piernicola Pedicini, visiterà lo stabilimento dell'Ilva di Taranto. Al termine della visita, alle 16,30 in viale Piemonte 114 a
Taranto, i deputati del Parlamento europeo terranno una conferenza stampa.
"Lo scopo di questa visita - dice l'eurodeputata tarantina D'Amato - è di verificare da vicino la situazione dello stabilimento. Lo facciamo innanzitutto in quanto cittadini, per un atto di responsabilità verso la città. Ma lo facciamo anche per i diritti e i doveri che derivano
dal nostro ruolo istituzionale. La visita, infatti, sarà un momento centrale del lavoro di informazione e pressione che stiamo conducendo al Parlamento europeo e in costante dialogo con la Commissione Ue. Un lavoro volto a mettere in rilievo le criticità ambientali e sanitarie
che permangono a Taranto a dispetto delle rassicurazioni fornite dal governo Renzi a Bruxelles".
Secondo D'Amato, "lo stabilimento Ilva è oramai inadeguato da un punto di vista produttivo ed industriale. Come ho ribadito negli emendamenti presentati alla relazione del Parlamento europeo sull'industria dell'acciaio, impianti di questa natura e concezione sono semplicemente
delle follie perpetrate a danno di un intero territorio. E' inconcepibile sperperare ancora miliardi di euro su un impianto destinato a chiudere i battenti per obsolescenza nel breve periodo".
"L'alternativa economica a un modello basato sull'Ilva - conclude l'eurodeputata M5S - c'è già. Taranto ha un'altra vocazione, legata al turismo e all'uso sostenibile delle risorse naturali del suo territorio. Siamo in grado di dimostrare come la bonifica e la riconversione verso
un'alternativa del genere possano produrre insieme più occupazione, più salute e più benessere diffuso".