Martedì, 12 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Calcioscommesse, Parisi in aula: "Gli ultrà ci chiesero di perdere"

L'ex giocatore del Bari ha testimoniato oggi in tribunale

Pubblicato in Cronaca il 05/02/2014 da Redazione
'Era l'aprile del 2011, all'esterno del San Nicola: con una manata tra spalla e petto ci chiesero di perdere le gare con Cesena e Sampdoria perché avevano bisogno di soldi. Noi non accettammo e il giorno dopo ci chiamarono per scusarsi''. L'ex giocatore del Bari Alessandro Parisi ha testimoniato oggi in tribunale al processo ai tre ex capi ultrà del Bari Alberto Savarese, Roberto Sblendorio e Raffaele Loiacono, accusati di violenza privata aggravata in uno dei tronconi baresi sul calcioscommesse.
Secondo la Procura di Bari, i tre imputati avrebbero preteso che i loro beniamini perdessero due partite (Cesena-Bari del 17 aprile 2011 e Bari-Sampdoria del 24 aprile 2011, tutte e due terminate con la sconfitta dei pugliesi) per fare soldi con le scommesse, sarebbero stati pronti a scatenare la guerra contro gli ultrà del Foggia, avrebbero covato propositi ritorsivi nei confronti di due giornalisti che avevano osato criticarli e avrebbero meditato un'azione punitiva nei confronti dell'ex portiere del Bari Gillet.