Lunedì, 26 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Brindisi, due immigrati tentano rapina in un centro di accoglienza: operatori in ostaggio per due ore, intervengono i carabinieri

In manette un egiziano e un nigeriano.Hanno minacciato i presenti con un coltello da cucina chiedendo soldi contanti. L'allarme è stato lanciato da un dipendente

Pubblicato in Cronaca il 04/11/2015 da Redazione

Attimi di terrore nella comunità di accoglienza per migranti Sprar a Latiano, paese in provincia di Brindisi. Due stranieri hanno fatto irruzione nel locale impugnando un grosso coltello da cucina e tenendo in ostaggio gli operatori. Hanno chiesto una somma in denaro, minacciando di incendiare la struttura se non fosse stata subito consegnata. Uno degli ostaggi è riuscito a lanciare l’allarme: poco dopo sette carabinieri sono entrati nella struttura e hanno arrestato l’egiziano Mina Mekhail, 27 anni, e il nigeriano Raphael Jimoh, di 24. Dovranno rispondere di sequestro di persona, tentata rapina in concorso e violazione di domicilio. I due, conosciuti nella struttura perché ospitati in precedenza, sono riusciti a farsi aprire la porta e poi hanno tentato il colpo. All’arrivo delle forze dell’ordine non hanno opposto resistenza, gettando via il coltello.  I due avevano ottenuto un permesso di soggiorno provvisorio in attesa di riceverne uno permanente.