Sabato, 8 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari: Wella risarcirà un parrucchiere malato di tumore

L'uomo ha contratto la malattia a causa di sostanze cancerogene nelle tinture della multinazionale

Pubblicato in Cronaca il 04/04/2015 da Redazione
L’azienda Wella Italia Labocos srl dovrà risarcire con 46mila euro un parrucchiere barese di 63 anni affetto da una patologia tumorale (sindrome dismielopoietica). Secondo l’accusa la tinta prodotta dalla multinazionale e usata dal parrucchiere per un ventennio, conteneva sostanze tosse e cancerogene. Le analisi tossicologiche compiute sulle tinture Wella Koleston dall’Istituto di medicina legale dell’Università di Bari, hanno rilevato la “Presenza di sostanze cancerogene, tossiche nei prodotti cosmetici Kolleston 1+1 d Creation color gel”. Nelle due tinture c’era un’alta presenza di benzene e toluene, due sostanze irritanti e nocive a contatto con la pelle e limitate nei paesi della Comunità europea. I periti aggiungono anche che "i livelli di tossicità delle sostanze contenute nelle tinture esaminate aumentano esponenzialmente col passare del tempo e se vengono in contatto con l'acqua e con l'ossigeno". Il giudice quindi ha stabilito il nesso di causalità tra tinture e malattia professionale attraverso il criterio civilistico del “più probabile che non”.