Mercoledì, 26 Giugno 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Salva la vita ad un bimbo, un finanziere salentino è l'angelo del 2014

Le telecamere di un esercizio commerciale riprendono la tragedia. Il suo intervento è per tutti 'un miracolo'

Pubblicato in Cronaca il 01/01/2015 da Redazione
L'anno nuovo può cominciare anche dalle storie belle. Quelle che sembrano favole ma sono vere e parlano di vita e cose buone. Come la storia che ha visto protagonista un finanziere salentino, ribattezzato da tutti l'angelo di Natale, che quando ha visto dinanzi a se' un bimbo che non respirava più, circondato dai parenti in preda alla disperazione, non ci ha pensato due volte ed è subito intervenuto in suo soccorso riuscendo fino alla fine a salvargli la vita.
Il fatto è accaduto lo scorso 18 dicembre scorso in un negozio di arredamento di Villaggio Mosé, frazione di Agrigento, dove un'improvvisa crisi compulsiva ha colto un bimbo di appena due anni e mezzo. Il dramma è stato evitato grazie all'intervento provvidenziale dell'appuntato Andrea Stamerra, 36enne di Taviano, da circa un anno in forza alla Compagnia della Guardia di Finanza di Agrigento che, libero dal servizio, ed a a passeggio con moglie e figlio, quando ha notato un capannello di persone attorno al bambino che si disperavano e piangevano mettendosi le mani nei capelli, è intervenuto. Le prime manovre di disostruzione non hanno cambiato la situazione perchè il piccolo continuava a non riempire d'aria i suoi polmoni. Ma nella tragedia, mentre la madre del bimbo perdeva conoscenza, il nonno e molti altri avventori erano attoniti davanti alla scena come testimoniano le telecamere di sicurezza dell'esercizio commerciale, il finanziere non si è dato per vinto ed ha continuato a prestare soccorso al piccolo nonostante questo fosse diventato cianotico. E, dopo tre massaggi cardiaci ed altrettante respirazioni bocca a bocca, il bambino ha finalmente ripreso conoscenza.
Preso in consegna dai medici del 118, nel frattempo allertati telefonicamente dalla moglie del finanziere salentino, il piccolo è stato trasportato all'ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento dove è stato ricoverato per qualche giorno. La fine d'anno l'ha trascorsa a casa giocando, con un pensiero speciale da parte sua e di tutta la famiglia al suo nuovo angelo custode in carne ed ossa e che parla pugliese.

loading...