Sabato, 21 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Vendola: 'Sventato il rischio di desertificazione del Salento' (VIDEO)

Per il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola è però importante avviare un approfondimento dopo la direttiva europea sulla Xylella

Pubblicato in Ambiente il 29/04/2015 da Redazione
"Eravamo partiti da una prospettiva catastrofica che era quella di procedere a eradicazioni indiscriminate, con il rischio di un vera desertificazione del Salento. Questo rischio è stata sventato con la battaglia strenua della Regione Puglia e del Ministero e grazie anche alla grande mobilitazione degli agricoltori, di vivaisti, dei movimenti ambientalisti e dei cittadini, che vi è stata in tutto il Salento. Oggi siamo di fronte alla prospettiva di estirpare le piante che risulteranno infette solo nella zona di sorveglianza nel nord del Salento e nella zona di eradicazione all'interno della provincia di Lecce, anche se ribadiamo naturalmente il concetto che nessuna pianta sana debba essere toccata". Così il Presidente della Regione Puglia ha commentato la direttiva europea su Xylella fastidiosa.
"Un elemento della direttiva però che ci colpisce negativamente – ha aggiunto il Presidente - è quello relativo al divieto di commercializzazione della vite. Al momento non c'è una ragione scientifica poiché non è dimostrato che questo ceppo di Xyilella colpisca la vite".
Ma in questo momento la preoccupazione per il Governatore è anche quella del "ricorso massiccio all'uso dei fitofarmaci" per cercare di sconfiggere la malattia.
"Il messaggio che vorrei dare a questo proposito – ha proseguito il Presidente – è questo: più pratiche agronomiche corrette, meno fitofarmaci. L'abuso della chimica non è la medicina per i problemi dell'agricoltura, rischia di essere il problema dell'agricoltura".
"Abbiamo aperto anche – ha rassicurato il Presidente - con il Ministero dell'Agricoltura e con Bruxelles, il dossier che riguarda il ristoro agli agricoltori, ai vivaisti e a tutti i lavoratori colpiti economicamente da questi problemi".
Per quanto riguarda poi la possibilità di presentare un ricorso alla Corte di giustizia europea, Vendola ha ribadito "l'intenzione di approfondire anche sul piano giuridico quelle parti della direttiva considerate più critiche come ad esempio quelle che prevederebbero l'estirpazione di piante nell'arco dei 100 metri a partire dalla presenza di una pianta infetta. Per noi – ha ribadito Vendola - è inaccettabile il taglio di qualunque pianta sana".
Ha altresì aggiunto che "una direttiva europea è utile per una sola ragione, perché senza direttiva europea noi saremmo in presenza dell'anarchia degli stati. Ognuno si comporterebbe secondo i propri interessi economici commerciali. E a questo proposito, forse l'Europa dovrebbe far partire monitoraggi in tutto il vecchio continente perchè ci sono già segnalazioni per quanto riguarda la presenza del batterio in diversi paesi".
"Noi dovremmo trasformare – ha infine concluso il Presidente - questa vicenda drammatica nell'occasione per ripensare i modelli culturali e anche colturali di governo dell'agricoltura. Dovremmo far partire sperimentazioni importanti, come ad esempio quella di un grande parco scientifico internazionale nel Salento. La Regione Puglia è pronta a finanziare progetti di sperimentazione all'interno del Parco per individuare metodi di prevenzione e di convivenza".


loading...