Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Bari città ecosostenibile', il sindaco Decaro incontra il vicepresidente nazionale di Federparchi

Decaro e Lavarra si sono proposti di avviare un gruppo di lavoro congiunto volto alla definizione di un Protocollo di intesa tra Anci e Federparchi che individui obiettivi e forme di incentivo per una inedita connessione città – natura - cultura

Pubblicato in Ambiente il 28/08/2019 da Redazione

Nella giornata di ieri, il presidente nazionale di Anci e Sindaco della Città metropolitana, Antonio Decaro, e il vicepresidente nazionale e coordinatore pugliese di Federparchi, Enzo Lavarra, hanno avviato una prima utile interlocuzione sul ruolo che possono assumere le aree naturali protette nell’ambito di una politica di progettazione e realizzazione della “Città ecosostenibile”.

L’obiettivo è quello di far vivere i parchi urbani e periurbani come soggetti attivi per la conservazione, la tutela e la fruizione di aree di pregio naturalistico oltre a mettere in campo una serie di azioni per la valorizzazione del patrimonio archeologico e storico culturale che li attraversa o che ad essi è contiguo. A questo si aggiunge il valore di questi siti in quanto già oggi mete attrattive di nuove forme di turismo esperenziale e mobilità dolce (lungo itinerari di dimensione europea), le quali integrano e completano l’offerta culturale dei centri storici nelle più diverse stagioni dell’anno.

Decaro e Lavarra si sono proposti di avviare un gruppo di lavoro congiunto volto alla definizione di un Protocollo di intesa tra Anci e Federparchi che individui obiettivi e forme di incentivo per una inedita connessione città – natura - cultura.

Non meno significativa è stata la comune volontà di avviare e mobilitare su scala locale esperienze di anticipazione di questa nuova sfida, creando forme di cooperazione fra le aree naturali protette interne alla Città metropolitana di Bari per fare sistema e ottimizzare le missioni alla base della loro istituzione.

Anche a questo riguardo sono state ipotizzate nuove occasioni di confronto e soprattutto di coinvolgimento delle realtà territoriali per produrre decisioni dal basso sui contenuti e sulle risorse che possono derivare dal “Patto per la Città Metropolitana”.



loading...