Sabato, 7 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ilva: il gip di Taranto ordina il sequestro beni di 15 ex dirigenti dell'acciaieria

87 proprietà sono state poste sotto sigilli dopo il ricorso della masseria Cascine, che subì l'abbattimento del bestiame a causa dei veleni prodotti dall'industria

Pubblicato in Ambiente il 23/09/2015 da Redazione
Circa 87 proprietà riconducibili a quindi ex dirigenti Ilva sono state sequestrate dal gip di Taranto, Vilma Gilli. Gli imputati dovranno rispondere del disastro ambientale provocato dallo stabilimento siderurgico nell’ambito del processo “Ambiente svenduto”. L’ordinanza di sequestro conservativo riguarda beni nella disponibilità di Nicola Riva, Fabio Arturo Riva, Giuseppe Casartelli, Cesare Corti, Girolamo Archina’, Francesco Perli, Salvatore D’Alò, Salvatore De Felice, Ivan Di Maggio, Bruno Ferrante, Angelo cavallo, Adolfo Buffo, Alfredo Ceriani, Giovanni Rebaioli e Lorenzo Liberti. A rivalersi nei confronti degli ex dirigenti sono stati i proprietari della masseria ‘Cascine’, che hanno subito l’abbattimento del bestiame a causa dei veleni prodotti dall’industria.