Venerdì, 15 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Lecce: presentate le azioni locali promosse dai Gal Terra di Murgia nell'ambito del progetto 'Corto circuito dei contadini'

Il responsabile Gennaro De Biase: 'La nostra è stata una forte azione di sensibilizzazione finalizzata soprattutto a diffondere la genuinità e la tipicità delle produzioni agroalimentari locali'

Pubblicato in Ambiente il 22/07/2015 da Redazione
Un rapporto diretto con gli agricoltori ed una sensibilità diversa dei consumatori rispetto ai prodotti ed ai territori di produzione. A promuoverli è il “Corto Circuito dei Contadini”, il progetto di cooperazione interterritoriale che vede impegnati 10 Gruppi di azione locale (Gal) pugliesi nel valorizzare la filiera agroalimentare corta ed il km ‘0’. A presentare a Lecce le azioni locali, promosse nell’ambito del progetto dai Gal salentini, sono intervenuti in conferenza stampa a Palazzo Adorno Gennaro de Biase, responsabile cooperazione del Gal Terre di Murgia (capofila del progetto), Gabriele Petracca, presidente del Gal Terra d’Otranto, Franco Damiano, presidente del Gal Terra dei Messapi, e Antonio Del Vino, capo di Gabinetto della Provincia di Lecce.

“La nostra è stata una forte azione di sensibilizzazione finalizzata soprattutto - ha spiegato de Biase – a diffondere la genuinità e la tipicità delle produzioni agroalimentari locali. Un’azione a tutto campo indirizzata verso le famiglie e i consumatori più giovani ai quali abbiamo dedicato innovativi strumenti didattici come l’e-book che racconta le storie di “Slurp e Gnam”, il fumetto “Il viaggio di Corto Circuito - Missione Biofonte” e il video gioco “Eco-warriors Apulia Food”. Questo progetto ha favorito la conoscenza e il dialogo tra i Gruppi di Azione Locale, i produttori agricoli e i consumatori. Tanto che oggi, forti dei rsultati positvi ottenuti e in vista della nuovo Programma di Sviluppo Rurale (Psr), nonostante la prevista drastica riduzione dei fondi a favore dei progetti di cooperazione, ci auguriamo che Corto Circuito dei Contadini possa continuare la sua missione”.

“Nelle azioni locali abbiamo enfatizzato molto l’aspetto della stagionalità e – ha aggiunto Petracca - del consumo dei prodotti tipici, come il pecorino di Maglie, la cicoria di Otranto, il pisello secco di Vitigliano, l’olio extra vergine d’oliva e il pane e le frise realizzate con il grano Senatore Cappelli. Tutti prodotti a km ‘0’ che favoriscono il commercio nella stessa zona di produzione”.

“Anche produzioni come il carciofo brindisino, le mandorle ed il vino, negramaro in particolare, hanno beneficiato – secondo Damiano - delle azioni comuni e specifiche di sensibilizzazione, consentendo di raccordare al meglio la produzione tipica locale con la ristorazione ed i gruppi di acquisto, oltre che con i consumatori”.

“Questo è un progetto – ha concluso Del Vino - meritevole di essere preso come esempio e di potersi sviluppare anche nei prossimi anni visti i tanti effetti benefici che ha prodotto sull’economia, sulla sana alimentazione e sull’ambiente. Con la nuova programmazione mi piacerebbe fosse esteso anche alle scuole superiori”.

“Corto Circuito dei Contadini” è un progetto di cooperazione interterritoriale (ex Misura 421 PSR Puglia 2007 – 2013), che vede impegnati i Gal Terre di Murgia, Sud Est Barese, Conca Barese, Ponte Lama, Fior d’Olivi, DaunOfantino, Gargano, Daunia Rurale, Terra dei Messapi, Terra d’Otranto. Vista l’importanza educativa, il progetto ha ottenuto il patrocinio della LILT, Lega Italiana per la lotta contro i tumori.