Lunedì, 22 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il governatore Emiliano: 'Sequestro degli ulivi una liberazione, riscrivere da zero le direttive per contrastare il virus'

Per Emiliano 'Da oggi si ricomincia una nuova storia, nella quale la ricerca di una cura che guarisca la malattia e ne rallenti l'espansione diventa centrale'

Pubblicato in Ambiente il 19/12/2015 da Redazione

“La notizia del provvedimento di sequestro da parte della Procura della Repubblica di Lecce è arrivata come una liberazione. Finalmente avremo a disposizione dati tecnici ed investigativi per discutere con l'Unione europea della strategia finora attuata per contrastare la Xylella, fondata essenzialmente sull'eradicazione di massa di alberi malati e sani". È il commento a caldo del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sul sequestro degli ulivi nel Salento disposto dalla Procura di Lecce.
    "Questa strategia - prosegue Emiliano - viene messa totalmente in dubbio dalle indagini effettuate da magistrati scrupolosi, prestigiosi e notoriamente stimati per la prudenza che li ha sempre contraddistinti nell'esercizio delle funzioni.
    Credo anche che possiamo considerare chiusa la fase della cosiddetta emergenza. La malattia è ormai insediata, e non può più essere totalmente debellata. Dobbiamo dunque riscrivere da zero le direttive da impartire agli agricoltori e a tutti gli altri soggetti interessati, che potranno consistere in tutti quegli atti e quelle azioni che non comportino l'eradicazione delle piante. In questi mesi la Regione Puglia ha sempre ribadito alla Procura della Repubblica di Lecce la sua disponibilità a fornire collaborazione alle indagini in corso. E anche oggi ribadisco questa disponibilità assieme alla piena fiducia negli uffici giudiziari leccesi. Mi sento di dire che questo intervento è l'equivalente di quello della magistratura tarantina nel caso Ilva".
    Per Emiliano "da domani si ricomincia una nuova storia, nella quale la ricerca di una cura che guarisca la malattia e ne rallenti l'espansione diventa centrale. Questa è la ragione per la quale abbiamo dato vita in Puglia alla task force per la ricerca sulla Xylella, finanziandola con diversi milioni di euro. È chiaro in ogni caso che tutti gli indagati che facevano parte della task force, ai quali comunque auguro di poter rapidamente chiarire la propria posizione, dovranno in questa fase sospendere la loro attività all'interno della task force regionale". Il governatore della Puglia annuncia che domani mattina chiederà al procuratore della Repubblica Cataldo Motta di essere ricevuto, "ove il magistrato ritenga necessario comunicarmi notizie utili allo svolgimento della mia funzione, nel rispetto del segreto istruttorio". La Regione Puglia, conclude Emiliano, è "persona offesa degli eventuali reati commessi e ai sensi dell'art. 90 del codice di procedura penale si riserva di indicare elementi di prova che possano contribuire all'accertamento della verità. In caso di rinvio a giudizio si costituirà parte civile nei confronti di tutti gli imputati”.



loading...