Venerdì, 23 Agosto 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Danni all'agricoltura, monito di Assoproli: 'Servono accordi per tutelare gli imprenditori agricoli'

Pasquale Mastrandrea, presidente Assoproli: 'Necessaria una pianificazione e gestione territoriale che tenga conto di questi accadimenti'

Pubblicato in Ambiente il 17/07/2019 da Redazione

I recenti eventi meteorici abnormi ed inconsueti hanno piegato ancora di più l'agricoltura pugliese. Alberi sradicati, impianti arborei collassati al suolo, frutti e foglie strappati, allagamenti e protezioni delle colture più pregiate spazzate via dalla forza degli eventi, capannoni agricoli danneggiati. Per molti un anno di lavoro, sacrifici ed investimenti spazzato via in pochi attimi. Ormai la tropicalizzazione del clima

“Occorre ora una ferma presa di posizione e la più seria consapevolezza di quanto sta accadendo e di quanto si verifica con frequenze sempre più ravvicinate sul nostro territorio e sulla nostra agricoltura, è tempo di prendere decisioni importanti che tutelino definitivamente il duro lavoro dei nostri agricoltori – afferma il presidente Assoproli , Pasquale Mastandrea - è necessaria una pianificazione e gestione territoriale che tenga conto di questi accadimenti, è auspicabile poter ricorrere alle assicurazioni, stipulando accordi con le compagnie assicurative al fine di tutelare gli imprenditori agricoli”.

In questi giorni i tecnici Assoproli hanno potuto constatare durante i sopralluoghi compiuti settimanalmente per il monitoraggio dei patogeni e per l’assistenza tecnica alle numerosissime aziende olivicole associate, i notevoli danni arrecati dopo la violenta grandinata e i forti venti che hanno interessato in maniera più infausta nella provincia di Bari, soprattutto i territori di Bitonto, Santo Spirito, Palese, Polignano, Monopoli ma anche quella di Brindisi con particolare riferimento a Fasano, Pezze di Greco, Carovigno e Taranto con Castellaneta Marina e Ginosa. A distanza di 24 ore, il sabato, nuovamente le campagne pugliesi sono state interessate stavolta da piogge torrenziali in agro di Sannicandro, Acquaviva, Rutigliano Conversano, Castellana e Turi.

I tecnici Assoproli hanno già consigliato di intervenire con trattamenti a base di rame sulle colture interessate dalle manifestazioni atmosferiche per impedire/contrastare l’insorgenza di malattie fungine o altre di natura batterica che potrebbero compromettere l’efficienza della chioma, la accrescimento delle drupe e quindi favorirne la cascola.

“Infine, - conclude Pasquale Mastandrea - ci si augura soltanto che tutta la grandissima quantità d’acqua caduta venga ad essere conservata negli invasi a tal uopo preposti per essere messa a diposizione dell’agricoltura nei momenti di bisogno. Sarebbe una beffa, infatti, se poi ad agosto o nelle prime fasi dell’autunno si gridasse ad una nuova emergenza idrica a causa dell’incuria in cui versano le strutture idriche e gli invasi della regione, dopo gli incredibili volumi d’acqua incamerata”.

 



loading...