Domenica, 15 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Puglia: il Ministero autorizza nuove esplorazioni petrolifere dal Gargano a Leuca

Sarà interessata anche la costa ionica con prospezioni nel golfo di Taranto e vicino Gallipoli

Pubblicato in Ambiente il 17/06/2015 da Redazione
La mobilitazione per contrastare la ricerca di petrolio nel Mar Adriatico sta per partire, ma il Ministero dell’Ambiente sembra non ascoltare le richieste dei pugliesi. Nelle ultime ore è stato approvato un altro progetto di prospezione delle coste pugliesi alla ricerca di idrocarburi che riguarda un milione e 400mila ettari di Adriatico, dal Gargano a Santa Maria di Leuca. Un’area cui si aggiunge anche il via libera a procedere nella stessa maniera sulle coste ioniche di Gallipoli.
La Northen Petroleum potrà quindi cercare idrocarburi attraverso la tecnica dell’airgun: una imbarcazione sparerà bombe di aria complessa in grado di generare onde sismiche utili per individuare i possibili giacimenti petroliferi.
Per quanto riguarda invece il versante ionico, sarà la Enel longanesi Developments a cercare gli idrocarburi, con un progetto che riguarderà le zone del Golfo di Taranto, di fronte alle coste di Gallipoli e Nardò e sull’altra sponda, di Rossano Calabro. La Puglia sembra ormai accerchiata da queste operazioni che distruggerebbero gli ecosistemi della flora e della fauna marina. L’iter è ancora in corso e non è detto che potrebbe partire già dai prossimi mesi, ma di sicuro le istituzioni e i cittadini pugliesi non staranno a guardare.

loading...