Venerdì, 24 Gennaio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Xylella, oggi gli ispettori Ue visiteranno i terreni del Salento e Brindisino. Il ministro Martina: 'Pronti al reimpianto'

L'Italia rischia l'avvio di una procedura di infrazione

Pubblicato in Ambiente il 16/11/2015 da Redazione

“Contro la xylella abbiamo costruito un progetto unitario di ricerca con linee chiare e definite. Salvare l’olivicoltura salentina e pugliese è la nostra priorità assoluta. In questa sfida dovranno sentirsi chiamati in causa tutti, nessuna soluzione sarà esclusa. Quello che vogliamo è trovare risposte univoche, certe, scientifiche”. Lo ha dichiarato il ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina, durante un’intervista rilasciata a ‘Il quotidiano di Puglia’. Il batterio Xylella Fastidiosa continua ad espandersi nonostante i 1100 alberi infetti tagliati in poche settimane.

 

Il piano per contrastare Xylella coinvolge il Cnr e 5 università, alle quali si aggiungono centri di ricerca privati e organizzazioni di agricoltori. Il governo ha destinato 4 milioni di euro e potrebbe aprire un campo sperimentale in Salento.

 

Intanto il presidente della Regione Michele Emiliano ha convocato un incontro per istituire una task force di scienziati: “È un’iniziativa che si coordina con il nostro piano e che vede coinvolta anche la Professoressa Marina Barba, che presiede il Comitato tecnico scientifico impegnato nella lotta alla xylella”, dichiara il ministro Martina.

 

Questa mattina arriveranno in Puglia gli ispettori Ue per verificare a che punto è il piano Silletti bis. L’Italia rischia l’avvio di una procedura di infrazione ma Martina è ottimista: “In queste settimane è stato portato avanti un lavoro serio, concreto e che ha richiesto sacrifici di cui si deve tenere conto”.


Infine, il ministro ha dichiarato che le zone colpite dai tagli saranno oggetto di reimpianti a scopo sperimentale: “Abbiamo questa possibilità e la vogliamo sfruttare al meglio soprattutto per potenziare gli sforzi dei ricercatori. Basterà chiedere l’autorizzazione al Ministero senza un eccesso di burocrazia”.