Venerdì, 20 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Xylella: la Francia blocca l'import di vegetali dalla Puglia

Il Presidente Vendola: 'Ci aspettiamo un immediato intervento del governo'

Pubblicato in Ambiente il 03/04/2015 da Redazione
Stèphane Le Foll, ministro francese dell’Agricoltura, ha firmato oggi il decreto che conferma lo stop alle importazioni dei vegetali a rischio Xylella dalla Puglia. “In attesa nell'attuazione di un dispositivo europeo, - si legge in una nota - il ministro ha deciso di prendere misure nazionali. Un decreto è stato firmato oggi e verrà pubblicato domani". "Consapevole dell'importante rischio di introduzione di questo pericolo sanitario dalle conseguenze economiche molto pesanti per le filiere vegetali francesi e vista la prossimità di alcune regione come la Corsica ai ceppi italiani, il ministro ha chiesto già dal 16 gennaio scorso misure europee", si legge ancora nella nota diffusa a Parigi. Il ministro però ha accelerato i tempi, vietando l’importazione in Francia di vegetali sensibili a Xylella Fastidiosa. Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Regione Nichi Vendola, che ha scritto una lettera al Premier Matteo Renzi e al ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina: “Ci aspettiamo un immediato intervento del Governo contro il provvedimento adottato da un altro stato membro dell'Unione, che, attivando una misura di salvaguardia, viola la decisone comunitaria e si pone in procedura di infrazione, creando un grave danno all'economia della Puglia”. Il presidente della Regione ha poi continuato “Non ci stupiremmo che l’esempio francese, se non adeguatamente contrastato, fosse seguito da altri Stati membri, magari vietando l'importazione da tutta l'Italia di materiale vegetale. Non è superfluo evidenziarVi poi che l'area infetta delimitata riguarda la sola provincia di Lecce e non tutta la Puglia e che la decisione in atto limita già il trasferimento dei materiali vegetali dalle aree delimitate, in osservanza della direttiva comunitaria 2000/29 e del d.lgs 214/2005”.

loading...