Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
29 Febbraio 2020

'Bàbele', il progetto barese sbarca a Bergamo per trasferire l'esperienza di gestione condivisa di Spazio 13

L'obiettivo è definire insieme un modello di governance per la gestione dei beni comuni e degli spazi condivisi attraverso l'innovazione sociale

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 21/01/2020 di Redazione

Il Comune di Bari e il Comune di Bergamo hanno candidato insieme una proposta all'avviso nazionale "SINERGIE", con cui ANCI sostiene esperienze di "riuso" e di collaborazione tra Città sui temi delle politiche giovanili, della rigenerazione urbana e dell'innovazione sociale.

L'esperienza di SPAZIO13 come centro culturale giovanile urbano, premiata anche a livello europeo nel 2017 al Festival URBACT di Tallin, ha convinto Bergamo al punto che intende prenderne a modello la gestione per replicarla nell'ex carcere Sant'Agata, oggi riconvertito in spazio culturale.

Il progetto, dal nome "BÁBELE - Bari & BErgamo Local Energy", ha come obiettivo quello di trasferire la buona pratica di gestione condivisa di SPAZIO13 a Bergamo, condividendo metodologie e soluzioni gestionali attraverso workshop, study visit e seminari che coinvolgeranno i tecnici dei due Comuni e la platea di soggetti impegnati nella gestione degli spazi, tra cui in primis l'associazione temporanea di scopo "SPAZIO 13" di Bari, l'EXSA - Ex Carcere di Sant'Agata, l'associazione "MAITE" e la cooperativa sociale "HG80" di Bergamo.

L'obiettivo è definire insieme un modello di governance per la gestione dei beni comuni e degli spazi condivisi attraverso l'innovazione sociale, che possa favorire la più ampia inclusione dei soggetti giovanili in campo sui territori e sostenere i percorsi endogeni di rigenerazione e sviluppo dei quartieri periferici e semiperiferici.

Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento di 220.000 euro, avrà una durata di 18 mesi.

"Grazie a questo gemellaggio, il Comune di Bari "cede" l'esperienza realizzata da Spazio 13 al Comune di Bergamo affinché possa riutilizzarne metodologia e azioni - spiega l'assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano- . In altri termini proveremo, insieme, a creare un modello dall'intervento realizzato con Spazio 13 nel quartiere Libertà e renderlo replicabile in un contesto differente come quello dell'ex carcere Sant'Agata, coerentemente con gli obiettivi dell'avviso di ANCI che sostiene la circolazione di pratiche e talenti.  Come rendere uno spazio inutilizzato un bene comune fruibile dal quartiere e favorire il protagonismo dei giovani è un tema che riguarda tutta Italia da Nord a sud. Per questo ci concentreremo sulle metodologie d'intervento, sui modelli di coinvolgimento dei giovani beneficiari e dei partner ma anche sulle attività specifiche  e le prassi amministrative adottate. Talvolta capita che anche dal Sud si possa trasferire buone pratiche al Nord Italia e sulla gestione dei beni comuni e dei modelli di valorizzazione giovanile attraverso la rigenerazione urbana, la Città di Bari ha svolto esperienze di innovazione sociale riconosciute anche su scala nazionale. La prossima settimana saremo infatti a Torino a presentare nell'ambito del PON Metro nazionale, le nostre politiche di sviluppo urbano, di partecipazione e di attivazione su scala locale".