Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
18 Febbraio 2020

Puglia, stato di agitazione delle Agenzie fiscali. Il 23 gennaio arriva il 'Fisco day'

Le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Unsa e Flp hanno deciso di aderire alla mobilitazione nazionale

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 17/01/2020 di Redazione

Anche in Puglia, stato di agitazione delle agenzie fiscali. Da questa settimana, e fino al 22 gennaio, sono in programma assemblee e presidi in tutte le sedi dell'agenzia delle entrate e l'agenzia dogane e monopoli in Puglia. Giovedì 23 gennaio, poi, si terrà il 'Fisco Day', con assemblee trasversali, dalle 10 alle 12.30, nei piazzali antistanti gli uffici. Ultimo appuntamento della mobilitazione dei lavoratori è fissato per il 6 febbraio, con un presidio a Roma, al Ministero dell'Economia e della Finanza.

"Il Governo aveva promesso, con l'ultima manovra, una stretta sull'evasione fiscale e il recupero di oltre 3 miliardi di euro - si legge in una nota diffusa da  Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Unsa e FIp -
Poca cosa rispetto alla stima dell'Agenzia delle Entrate, secondo cui l'evasione si aggira intorno ai 119 miliardi di euro: somma impossibile da recuperare se non investendo sulla macchina fiscale, con un rafforzamento strategico dell'agenzia e, ovviamente, con una maggiore valorizzazione dei suoi lavoratori. Oggi, invece, la situazione è ulteriormente peggiorata. A dicembre sono scaduti gli incarichi dei direttori delle agenzie e non sono stati ancora rinnovati. Aldo Polito dirige vicariamente l'Agenzia e, a febbraio, andrà in pensione. Le maggiori difficoltà, poi, si registrano sul personale. Entro il 2021 ci saranno in servizio 4 mila lavoratori in meno mentre, per contro, aumentano funzioni e carichi di lavoro, sempre più complessi e sempre meno gratificanti. I lavoratori attendono il salario di produttività degli ultimi due anni mentre il tetto del salario accessorio registra un taglio annuale di circa un milione. Ad aumentare le difficoltà, la carenza di figure dirigenziali e di figure di coordinamento e l'assenza di risorse per remunerare gli incarichi di responsabilità".

Alla mobilitazione della Agenzia delle Entrate partecipano anche i lavoratori dell'Agenzia di Dogane e Monopoli, dove si registra una carenza di 3 mila unità, rimasta senza vertici e per la quale si ventila un taglio di risorse ulteriore.

Per tutte queste motivazioni, le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Unsa e Flp hanno deciso di aderire alla mobilitazione nazionale e animeranno, su tutto il territorio pugliese, assemblee e presidi davanti alle sedi delle Agenzie.