Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
5 Giugno 2020

Lega Pro, Bari-Avellino 2-1: biancorossi a -7 dalla Reggina

Al San Nicola decidono le reti di Antenucci e Perrotta. Inutile la rete di Albadoro nel finale

Pubblicato in Sport il 02/03/2020 di Redazione

 

Dopo due pareggi consecutivi, il Bari di mister Vivarini torna a vincere. I biancorossi hanno sconfitto l'Avellino allo stadio San Nicola per 2-1. A decidere il match sono state le reti di Mirko Antenucci e Simone Perrotta.

Il capocannoniere della Lega Pro ha portato in vantaggio i padroni di casa al 30esimo sfruttando un assist di Simone Simeri e battendo il portiere ospite con un diagonale di sinistro. Nella ripresa il Bari trova il raddoppio con Simone Perrotta che mette il pallone in rete da pochi passi sugli sviluppi di un calcio di punizione. I campani accorciano le distanze a 75esimo con l’ex Diego Albadoro, abile a ribadire in rete su un’incertezza di Frattali. Inutile il forcing finale degli ospiti. Con questa vittoria il Bari torna a +2 sul Monopoli, terzo in classifica, e accorcia il distacco con la capolista Reggina (-7 punti).

“Una vittoria indispensabile; al di là della prestazione tecnica, che non è quasi mai mancata e su cui non avevo dubbi, mi interessava lo spirito – ha dichiarato mister Vivarini nel post gara -. Volevo una squadra che sapesse essere operaia, umile, cinica e che sapesse sporcarsi le mani, e sono stato accontentato. Abbiamo dimostrato di saper fare anche quel tipo di gioco. Qualche pari di troppo proprio perché siamo mancati sotto quell’aspetto; a volte giocare sporco è la via per questo tipo di campionato”.

“Mi è dispiaciuto per il gol preso, nel finale è venuto meno forse un po’ di coraggio, ma sono contento di come abbiamo affrontato quel momento perché abbiamo dimostrato di saper soffrire – ha continuato il tecnico biancorosso -. E’ stata comunque una buona partita lo ripeto, giocata bene sulle qualità che abbiamo meno nelle nostre corde, la lotta, l’aggressività, il gioco sporco. Era importante essere più operai che borghesi in alcuni frangenti; siamo stati concentrati e attenti, anche sulle seconde palle. Siamo andati oltre la stanchezza, dimostrando di stare bene atleticamente; impegno e volontà a questo gruppo non mancano”.