Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
21 Settembre 2021

Cresce l’attenzione a salute e benessere, molto più rispetto al passato

La salute diventa un obiettivo primario

Pubblicato in Salute il 19/05/2021 di Teresa Salerno

Nel nostro Paese continua a crescere in maniera intensa l’attenzione per salute e benessere. Un vero e proprio boom favorito con ogni probabilità dalla comparsa del Covid sul territorio nazionale e testimoniato dalle ricerche condotte al riguardo nel corso degli ultimi mesi. 
Da queste, in particolare, emerge come il 45% dei nostri connazionali inserisca la salute tra i primi tre fattori in grado di garantire la felicità. Un dato che sembra confermare quanto asserito da Nino Manfredi in “Tanto pe’ cantà”, quando affermava che basta la salute. Un pensiero molto semplice, ma ormai condiviso da un numero sempre crescente di italiani.

Mutano anche le abitudini sanitarie

A sorpresa, la pandemia ha mutato in maniera sensibile anche il rapporto degli italiani con la medicina. Se si poteva pensare che le difficoltà collegate al Covid potessero spingere i cittadini a rafforzare il loro favore nei confronti di cure alternative e autodiagnosi online, è accaduto esattamente il contrario. 
Molti, infatti, hanno deciso in questi ultimi mesi di optare per le visite specialistiche o di routine tanto che il 20% di essi dichiara ora la propria volontà di rafforzare il ricorso ad esse, contro un 10% il quale pensa al contrario di ridurre gli esami medici come riporta 
questo sito su salute e benessere

Cresce la spesa per la salute nelle famiglie italiane

L’accresciuta voglia di salute e benessere sembra peraltro destinata a riflettersi sulla spesa delle famiglie in salute. Sempre secondo gli ultimi sondaggi, infatti, il 20% degli italiani pensa che spenderà maggiormente per garantire la propria salute, un dato notevolmente superiore a quello registrato in precedenza. 
Una crescita che dovrebbe riguardare in particolare la fascia tra i 18 e i 30 anni, ovvero quella meno abituata ad un monitoraggio continuo della propria condizione di salute i cui componenti sembrano però aver mutato il proprio orientamento a causa del Covid. Ciò ha portato gli esperti a prevedere che proprio l’attenzione alla salute sarà uno degli elementi in grado di caratterizzare in positivo la vita dei nostri connazionali italiani nel corso dei prossimi anni.

Un volano per la crescita del Paese

Salute e benessere, inoltre, promettono di rappresentare un volano non proprio indifferente per la crescita economica del Paese, nei prossimi anni. Basti pensare, al proposito, che addirittura l’82% degli italiani si dichiara concorde sulla necessità di potenziare la sanità pubblica. 
Un orientamento quindi plebiscitario che sembra andare in direzione del tutto contraria rispetto ad una politica che dal canto suo, nel corso degli ultimi decenni, ha invece preferito battere la strada dell’abbattimento della spesa sanitaria per motivi di puro bilancio. Un modus operandi che, se confermato, potrebbe addirittura portare in rotta di collisione partiti ed elettorato. Soprattutto alla luce delle tante paure create dal Covid e della possibilità che situazioni di questo genere possano tornare di stretta attualità.