Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
Facciamo Notizie

Taranto, inaugurato il nuovo reparto di Pneuomologia. Stabilizzati 178 lavoratori precari

Il governatore Emiliano: 'Mantenuti gli impegni presi con cittadini e lavoratori'

Pubblicato in Salute il 05/11/2018 di Paola Stornaiuolo

A Taranto è stato aperto il reparto di Pneumologia, all'interno dell'Ospedale Moscati. Si tratta di una struttura necessaria e molto attesa dalla popolazione, su cui il presidente Emiliano aveva preso un impegno preciso per la sua realizzazione. Impegno che oggi è stato mantenuto. Inoltre, sono stati stabilizzati 178 lavoratori precari della ASL di Taranto, prevalentemente infermieri, quasi tutti in servizio, finora utilizzati con continue proroghe a tempo determinato.

 

Il nuovo Reparto ha 10 posti letto, estendibili a 20 in un prossimo futuro, come previsto dal piano di riordino ospedaliero per le Pneumologie. Il nuovo Reparto, diretto dal Dott. Giancarlo D'Alagni, costituisce un modello innovativo di integrazione tra ospedale e territorio. Presso il Reparto, infatti, sono attivi medici ospedalieri e medici territoriali, che lavorano fianco a fianco in funzione di una più efficace presa in carico del paziente e di una più coerente e soddisfacente continuità assistenziale. In altri termini, il progetto prevede la presa in carico del paziente nel suo percorso di cure dall'ospedale fino al domicilio, e ha l'obiettivo di garantire una precoce deospedalizzazione per il malato, con la possibilità di ottimizzare l'utilizzo dei posti letto.


"Avevo preso un impegno con l'associazione Liberi e pensanti a trasformare il Moscati nell'ospedale oncologico di Taranto – ha dichiarato il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano - lo abbiamo fatto e lo stiamo facendo, nulla è perfetto, tutto è migliorabile e oggi inauguriamo il nuovo reparto di Pneumologia. Le morti premature a Taranto per questioni cardio respiratorie sono tantissime. La rabbia che ho dentro per il modo in cui è andata a finire la trattativa Ilva è molto grande, per non avere avuto ancora una risposta sulla salute delle persone. Non giochiamo solo in difesa facendo gli ospedali, dobbiamo giocare anche all'attacco impedendo alla gente di ammalarsi".

 

"Come spesso dicevano i miei genitori quando facevo un esame dell' Università – ha detto Emiliano riferendosi alle stabilizzazioni - stiamo facendo la metà del nostro dovere. Finalmente stiamo assumendo delle persone che per anni hanno lavorato nella precarietà. Per farlo abbiamo dovuto rimettere in ordine tutta la sanità pugliese che era bloccata, quasi commissariata, in piano di rientro e non potevamo assumere. Queste stabilizzazioni sono il frutto del Piano di riordino, che è stata una trattativa durissima  col ministro della sanità con il Ministero della sanità e soprattutto con il Ministro dello sviluppo economico che è quello che ci dà le autorizzazioni appunto a fare le stabilizzazioni a le nuove assunzioni". 

loading...