Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
5 Giugno 2020

Coronavirus, nella Bat otto posti letto a pressione negativa e un'apparecchiatura per l'analisi del tampone

Gli ospedali di Barletta e Bisceglie si attrezzano per far fronte ad un possibile aumento dei casi

Pubblicato in Salute il 05/03/2020 di Redazione

Otto posti letto a pressione negativa a Bisceglie e una apparecchiatura per eseguire l'analisi del tampone a Barletta.  "Lavoro incessante e che coinvolge l'intera azienda - dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale Asl Bt - oggi, spostando nella notte come da programma il Pronto Soccorso dell'ospedale di Bisceglie in area attigua alla tenda pre triage, sono stati attivati 8 posti letto a pressione negativa attraverso un intervento tecnico. La pressione negativa consente di operare come se si fosse in area di rianimazione e i posti letto potrebbero essere da supporto in caso di necessità. Sono stati previsti altresì altri 8 posti letto di nucleo di assistenza avanzato". 

 

A Barletta, invece, presso l'unità operativa di Patologia clinica diretta dalla dottoressa Elisabetta Caprioli, è stata attivata una apparecchiatura che consente di fare in autonomia e in totale sicurezza l'analisi dei tamponi per il sospetti di Coronavirus. "Questo ci consente di essere uno spoke di laboratorio - aggiunge Delle Donne - gli operatori sanitari di reparto sono già operativi e pronti a intervenire con questa apparecchiatura che consente analisi di biologia molecolare".

 

"Ottenere questi risultati in poche ore è il risultato di un duro lavoro di squadra - dice Delle Donne - devo ringraziare davvero tutti, dagli operatori della SanitàService che a Bisceglie hanno consentito il trasferimento di un Pronto Soccorso senza disagi, il Direttore di presidio dottor Andrea Sinigaglia che sta adeguando un intero ospedale alle nuove e repentine esigenza, gli operatori della Sanitaservice, i fornitori che hanno risposto alle nostre richieste e hanno messo a disposizione l'apparecchiatura per l'analisi molecolare in pochi giorni e tutti gli operatori sanitari che di ora in ora stanno adeguando procedure, stabilendo regolamenti, definire modalità di formazione per garantire la risposta migliore possibile".