Direttora: ANNAMARIA FERRETTI Dir.: A.FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, Lezioni di storia: Amedeo Feniello e Alessandro Vanoli raccontano la storia del Mediterraneo

L'evento speciale è in programma domenica 3 febbraio al teatro Petruzzelli

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 11/01/2019 di Redazione

Fin dove arriva il Mediterraneo? Sarebbe limitante dire che si arresta alle sue coste. La sua influenza, i suoi caratteri e la sua anima spaziano, si spingono molto oltre. Domenica 3 febbraio alle 11.00 Amedeo Feniello e Alessandro Vanoli, introdotti da Annamaria Minunno e con l’accompagnamento musicale di Carlo Migliorini, ce lo racconteranno in uno Speciale Lezioni di Storia attraverso venti semplici ma straordinari oggetti che consentono di scandire i tratti di questo mare che si frappone fra le civiltà, spesso legandole e mischiandole.

Noi uomini nati sulla solida terra, ci siamo mai chiesti quanta storia contiene il mare? Quella del Mediterraneo è una storia grande. Per iniziare a raccontarla ci faremo guidare da venti oggetti: dal più antico e condiviso – il pane – alla bussola, l’anfora, la moneta, la chitarra, la padella, il corallo, l’abaco, la valigia...

Che cos’è il Mediterraneo? Un ‘mare tra le terre’. Un mare interno, come altri nel mondo. Eppure questo spazio, compreso tra lo stretto di Gibilterra e le coste del Medio Oriente, tra Venezia e Alessandria d’Egitto, ha qualcosa di speciale. Non soltanto perché è il nostro mare. Le acque del Mediterraneo sono una barriera tra i tre continenti che vi si affacciano, l’Europa, l’Asia e l’Africa, ma sono soprattutto un luogo di incontro e di passaggio. Quante civiltà, quanta gente, religioni, vite, amori, terrori, passioni e paure si sono incontrati su questo mare. Per secoli. Per millenni. 

loading...