Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Xylella: la UE deve dare sostegno agli agricoltori pugliesi

La rubrica di Confconsumatori Puglia

Pubblicato in I like Consumatori il 22/04/2015 da Confconsumatori Puglia
Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina ha scritto al Commissario Europeo per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan chiedendo un sostegno concreto per tutelare gli agricoltori e i vivaisti colpiti, coprendo le perdite subite. Il Ministro ha anticipato che il Mipaaf sta predisponendo un dossier tecnico sull’emergenza, che sarà inviato a breve alla Commissione.
“L’intervento della Commissione Ue al nostro fianco – ha dichiarato il Ministro Martina – è fondamentale per far fronte ai danni provocati dalla Xylella negli uliveti pugliesi e per poter dare risposte ai tanti agricoltori e ai vivaisti della zona interessata. Continuerò a spingere a Bruxelles in questa direzione, perché la gestione di questa emergenza deve essere fatta a livello comunitario sotto tutti i profili. L’Italia continuerà ad impegnarsi al massimo nel contenimento della diffusione della malattia, ma serve anche il contributo determinante dell’Ue. Sono convinto che il Commissario Hogan raccoglierà il nostro appello e darà un segnale di attenzione ai nostri imprenditori”.
E anche un’altra lettera è stata inviata oggi ai Commissari Hogan e Andriukaitis (Salute e Sicurezza alimentare): a inviarla è stato Pekka Pesonen, segretario generale di Copa e Cogeca (l’organismo che rappresenta le organizzazioni agricole e cooperative dei vari Paesi della Comunità). “Confagricoltura ha sottolineato in più occasioni come la malattia degli olivi sia un’emergenza europea, e non solo nazionale, che va affrontata con adeguati interventi che deve mettere in campo Bruxelles” commenta Confagricoltura, ricordando che, in sede Copa-Cogeca, si è fatta promotrice della costituzione di una task force sulla Xylella, a cui hanno aderito tutte le organizzazioni agricole e cooperative italiane e degli altri paesi produttori di olio d’oliva; il successivo atto è stata la presa di posizione di Pesonen. “Gli agricoltori chiedono alla Commissione – ricorda Confagricoltura – di attivare misure compensatorie per le perdite di reddito degli agricoltori, di pensare a future possibili misure per la ristrutturazione e riconversione, di migliorare l’efficacia delle misure di lotta alla propagazione, ed infine di dare priorità, nell’ambito del programma di ricerca ‘Horizon 2020’, ad un bando dedicato al problema contingente, con contestuale richiesta di fondi complementari. La Xylella – conclude Confagricoltura – non si combatte con prese di posizione univoche e radicali come quelle della Francia ma con uno sforzo congiunto e coeso di tutta l’UE, con la consapevolezza che si tratti di un dramma per tutta l’olivicoltura europea”