Martedì, 22 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Legge della Regione Puglia: iniziative a sostegno della lettura e della filiera del libro in Puglia

E’ stato fissato un primo stanziamento di euro 200.000 da destinare alle finalità della norma.

Pubblicato in I like Consumatori il 08/01/2014 da Confconsumatori Puglia

E’ entrata in vigore lo scorso 20 dicembre la Legge della Regione Puglia 12 dicembre 2013, n. 40: “Iniziative e interventi regionali a sostegno della lettura e della filiera del libro in Puglia”.

Per il perseguimento delle finalità della legge, la Regione si impegna a realizzare progetti di sostegno al lettore e di promozione della lettura che: favoriscono l’abitudine alla lettura in età prescolare e scolare; creano, anche attraverso incentivi e agevolazioni alle famiglie e ai singoli, pari opportunità di fruizione del libro e favoriscono, per mezzo della lettura, processi di integrazione o reinserimento sociale; incrementano l’accessibilità al libro a una fascia di lettori potenziali quanto più ampia possibile, anche promuovendo processi di alfabetizzazione rispetto all’innovazione digitale e ai nuovi device di lettura; realizzano programmi di invito alla lettura, manifestazioni, eventi e premi letterari, anche itineranti.

E’ stato fissato un primo stanziamento di euro 200.000 da destinare alle finalità della norma.

Sono previsti anche interventi a favore degli operatori del settore. Ad esempio, si prevedono azioni che: danno impulso e/o consolidano i processi di razionalizzazione e di ottimizzazione della rete distributiva delle imprese editoriali;  promuovono la rete di servizi di biblioteca di pubblica lettura e di biblioteca scolastica;  promuovono la digitalizzazione e l’ammodernamento tecnologico delle imprese editoriali e delle istituzioni culturali del libro; promuovono la formazione del personale delle istituzioni culturali del libro e della lettura, delle librerie indipendenti e delle imprese editoriali;  sostengono l’infrastrutturazione digitale delle librerie indipendenti e la loro presenza sul web, anche mediante la creazione di piattaforme digitali di networking; promuovono misure per favorire l’accesso al credito delle imprese editoriali e degli operatori della filiera del libro.