Sabato, 23 Ottobre 2021 - Ore
Facciamo Notizie

Equitalia: e' legge la possibilita' di una nuova dilazione

Confconsumatori ci spiega cosa fare

Pubblicato in I like Consumatori il 07/03/2015 da Confconsumatori Puglia
Nuova chance per i contribuenti che sono decaduti da una rateazione di Equitalia, per non aver rispettato le rate concordate. La legge 11/2015, di conversione del Decreto Legge "milleproroghe", ha infatti previsto la rimessione in termini per quanti fossero venuti meno al piano di rientro al 31 dicembre 2014. Sono potenzialmente interessati alla nuova dilazione
straordinaria tutti i debitori decaduti da precedenti dilazioni alla data del 31 dicembre 2014. Si ritiene che alla rimessione in termini possano accedere sia le dilazioni ante giugno 2013 , sia quelle post giugno 2013, sia quelle attivate in forza della prima versione (articolo 11 bis, Dl
66/14).
L'avv. Dario Barnaba di Confconsumatori, spiega cosa fare: "Il debitore deve presentare una istanza a Equitalia entro il 31 luglio 2015. Non occorre presentare alcuna documentazione in allegato all'istanza, a prescindere dall'ammontare del debito residuo. La domanda va redatta sul fac simile disponibile sul sito di Equitalia. La durata della nuova rateazione sarà, in
linea di principio, pari a quella della dilazione iniziale. La dilazione prevista dalla legge di conversione del Dl milleproroghe ha durata massima di 72 rate." La dilazione straordinaria inoltre non può essere prorogata e decade con il mancato pagamento di due rate anche non
consecutive.
Gli effetti della semplice presentazione della domanda di rateazione sono importanti perché la presentazione della domanda inibisce l'adozione di nuove azioni esecutive. Inoltre, non può essere iscritta ipoteca sui beni del debitore, mentre quella già iscritta rimane. Con la concessione della rateazione è altresì inibita l'apposizione del fermo amministrativo.  www.confconsumatoripuglia.it

loading...