Giovedì, 21 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Sergio Cammariere e le nostre grandi emozioni

Cinzia Caporale condivide con i lettori di ILIKEPUGLIA la sua bella esperienza al Teatro Curci

Pubblicato in Visti da voi il 24/03/2015 da Cinzia Caporale
Sergio Cammariere e Cinzia Caporale
Una serata di grande musica al teatro Curci di Barletta con Sergio Cammariere e la sua formidabile band formata da :Bruno Marcozzi percussioni, Amedeo Ariano batteria, Luca Bulgarelli contrabbasso e Fabrizio Bosso (guest star) tromba e filicorno.
Due ore di concerto partite con il Tema di Malerba con Sergio che accarezza i tasti del pianoforte in maniera passionale ed elegante, melodie e note che arrivano dritte al cuore,ed il coinvolgimento è inevitabile.
Vecchio e nuovo repertorio si alternano con i brani : "La vita ci vuole","Mano nella mano", "Io senza te ,tu senza me" omaggio all'amico Bruno Lauzi , "Le porte del sogno" "L'amore non si spiega" , "Le incertezze di marzo" ,"Ancora non mi stanco"," Tempo perduto".
Intime e avvolgenti "La canzone dell'impossibile" e la commovente preghiera "Padre della notte" ( solo piano).
E poi ancora una extended version spettacolare del brano "Dalla pace del mare lontano" con arrangiamenti jazz e virtuosismi da capogiro dei musicisti ,con i quali Cammariere ha un feeling pazzesco fatto di sguardi e complicità che si percepiscono costantemente.
Con "Tutto quello che un uomo" il teatro diventa un contenitore di fortissime emozioni e il pubblico, con il quale questo meraviglioso artista ha stabilito un'alchimia perfetta, accetta l'invito di Sergio a ricantare ancora una volta più forte e tutti insieme una strofa del brano e ovviamente il risultato è da pelle d'oca.
Prima degli ultimi brani "Via da questo mare " ,"Libero nell'aria", e "Sorella mia "alcuni ringraziamenti :all'amministrazione comunale, all'associazione musicale di Oreste Scorcia, ai fonici e ai tecnici ,al suo coautore storico Roberto Kunstler.
Una menzione particolare anche per il bravissimo musicista barlettano Gianni Ricchizzi che nel 2009 collaborò all'album "Carovane".
Gran finale festoso con due bis : "Cantautore piccolino" e la gioiosa "Ed ora" tutti in piedi ,battimano del pubblico (accogliente e caloroso) a scandire il tempo di questo bellissimo brano ,lunghissimi applausi e ovazioni (oserei dire) quasi da stadio " è stato veramente un piacere suonare qui a Barletta,la Puglia ci vuole bene" e prima di lasciare il palco l'ultimo regalo , una strofa di " Vita d'Artista".
Dopo lo spettacolo tantissima gente si è messa in coda fuori dal teatro per raggiungere il camerino di Sergio per autografi e foto e nell'attesa ha potuto godere di un divertentissimo e simpatico fuori programma musicale (tromba e bacchette) offerto da Fabrizio Bosso e Amedeo Ariano, improvvisato dalle finestre del teatro.