Domenica, 23 Febbraio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Analisi della Legge Regionale sulle spese del personale dei Gruppi consiliari

Ogni anno i c.d. 'portaborse' costano complessivamente euro 2.717.798,16.

Pubblicato in Visti da voi il 23/10/2015 da Antonio Pinto
Antonio Pinto, Avvocato e Vicepresidente Consulta Regionale Consumatori Utenti
La Legge approvata prevede che, per lo svolgimento delle attività necessarie all’esercizio delle proprie funzioni, i Gruppi consiliari si avvalgono di personale e di collaboratori, assunti direttamente, in virtù di rapporti di tipo fiduciario. Come avviene per i contratti di tipo privatistico.

Sotto il profilo economico, il contributo annuale spettante ai singoli Gruppi è parametrato sul costo di un'unità di personale di categoria D (posizione economica D6) per ciascun consigliere componente. Come spiega bene - e con trasparenza - il Referto tecnico collegato alla Legge, tale costo ammonta ad euro 53.290 annui per ogni consigliere.

Pertanto, ogni anno, i 51 consiglieri regionali avranno il diritto di spendere, complessivamente, euro 2.717.798,16 per i c.d. portaborse.

La spesa prevista per l’intera legislatura (ipotizzando che duri per il suo periodo fisiologico di cinque anni) sarà dunque di euro 13.588.990,80.

E’ una legge che si limita, in verità, a ritoccare la legge n.34 del 2012 già esistente.

Tuttavia, è il caso di rilevare che la Regione Puglia è dotata di un Servizio legislativo con dipendenti regionali che, istituzionalmente, hanno anche il compito di assistere ed affiancare i consiglieri nella preparazione di un progetto di legge.

Più che un “regolamento etico” che vieti l’assunzione di parenti, sarebbe stato giuridicamente più corretto innovare rispetto al passato e fare un concorso pubblico per spesa (rilevante) di soldi pubblici.
Il personale dei Gruppi consiliari può essere acquisito: a) mediante il distacco di dipendenti regionali in servizio; b) mediante il comando di dipendenti di altre P.A.; c) mediante i contratti previsti dalla vigente legislazione per l’acquisizione di prestazioni di lavoro subordinato o autonomo.
I contratti di lavoro e gli incarichi terminano automaticamente alla cessazione, anche anticipata, della legislatura e possono essere risolti in qualsiasi momento per effetto della cessazione del Gruppo consiliare.
E’ una legge che indubbiamente serve a 51 persone, ma purtroppo non serve ai restanti cittadini pugliesi.