Domenica, 18 Novembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il Vecchio Cavaliere della nostra terra: l'ulivo

Quell'essere vivente dalle sembianze umane, animalesche, mostruose, distorto, contorto...

Pubblicato in Terra il 28/08/2014 da Carmelo Colelli
La Puglia è piena di maestosi e meravigliosi alberi di ulivo, alcuni più che centenari, a volte hanno
sembianze umane, animalesche, mostruose, sono distorti, contorti, uno diverso dall’altro ma tutti
magicamente belli.

Il Vecchio Cavaliere della nostra terra.

Contorto, martoriato dal tempo, piegato e scavato dalle intemperie, rimani sempre un cantastorie della natura, professore di varie discipline.
Hai visto ai tuoi piedi donne e uomini, sei stato testimone dei loro amori e dei loro dolori, hai ascoltato le loro storie e le hai conservate nel tempo.
Come un vecchio, sei lì pronto a raccontare, pronto a trasmettere, a chi ti ascolta, la forza di guardare avanti.
Forte è la tua voglia di essere, sembra che ci dici:“mi sono piegato, mi sono contorto, ho perso parte della mia bellezza giovanile, ma voglio essere qui, voglio essere radicato a questa terra, qui ho visto l’amore che gli uomini mi hanno dato nel tempo.
Voi che siete i figli di quegli uomini, figli di questa terra, continuate ad amarmi.”
Come un guerriero hai dovuto lottare contro le forze della natura, ma come un Vecchio Cavaliere ci insegni ad amare la pace.

In dialetto Mesagnese.

Lu cavalieri ti la terra nostra.
Sturtigghiatu, marturiatu ti lu tiempu, piegatu e scavatu ti li ntimperie, rumani sempri nu cantastorie ti la natura, profissori ti tanti materie.

A vistu alli pieti tua femmini e masculi, a statu testimogna di l’amori loru e ti li tuluri loru, a sintutu li storie loru e la stipati pi tantu tiempu.

Comu nu vecchiu, stai prontu cu cuenti, prontu cu dici a ci ti senti, uardamu sempri annanti!
Tieni tanta voglia cu stai dani e sembra ca ndi sta dici: “m’aggiù piegatu, e m’aggiù stuertu tuttu, agghiu persu parti ti la billezza mia ti quandu eru ggiovini, ma vogghiu stau qquani, vogghiu stau raticatu a sta terra, qquani addo agghiu vistu l’amori ca li cristiani mannu datu pi tantu tiempu.
E vui ca siti li fili ti quiddi cristiani, fili ti sta terra, vulitimi puru vui bbeni.”

Comu a nnu guerrieru a luttato contru la forza ti la natura, ma comu nu Vecchiu Cavalieri ndi nsiegni ca ama amari la paci.

Carmelo Colelli


loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet