Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

#meriamdevevivere

Non è ammissibile che una persona non possa scegliere che religione seguire

Pubblicato in Solidarietà il 16/05/2014 da Ferretti
Io non sono religioso ma voglio parlare di Meriam Yehya: è una giovane donna del Sudan, condannata a morte per aver rinnegato la fede musulmana. Con madre ortodossa e padre musulmano, Meriam è incinta di otto mesi ed è attualmente in cella con il figlio piccolo. Il suo è l’ennesimo nome vittima dell’intolleranza religiosa e dell’integralismo, di qualsiasi natura. Nonostante sia infatti cresciuta, in seguito all’abbandono del padre, seguendo le linee cristiane, Meriam è figlia di un musulmano e questo la rende per legge della stessa religione.
Per la legge, il matrimonio di una musulmana con un non musulmano (il marito di Meriam) non è valido. Arrestata per adulterio, condannata a 100 frustate e all’impiccagione, al processo ha negato ogni conversione, ribadendo le sue origini e la sua " formazione " cristiana. Ma non c’è stato nulla da fare. Il mondo ha tempo due anni per provare a fermare questo scempio: la condanna arriverà infatti dopo aver garantito alla donna la possibilità di partorire e allattare il nascituro.
Iniziano a circolare le prime petizioni sul web e le prime condanne internazionali. Non è escluso che si potrebbe ottenere qualche risultato: già in passato, in episodi che hanno violato i diritti umani, le forti pressioni delle comunità internazionali hanno evitato il peggio. Amnesty International ha già definito la sentenza “ semplicemente ripugnante ”. Non è ammissibile che una persona non possa scegliere che religione seguire. Vogliamo il rilascio di Meriam.
#meriamdevevivere


loading...