Martedì, 11 Dicembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Un corpo da manipolare, tagliare, cucire

Il narcisista invaghito della propria immagine curando solo l’aspetto esteriore si allontana dalle radici del sentire

Pubblicato in Pensieri Spettinati il 23/06/2014 da Margherita De Napoli
Apparentemente noi adoriamo il corpo, ne facciamo il centro dell'attenzione ma in realtà ne amiamo solo il simulacro. Vogliamo poterlo manipolare, tagliare, cucire alla stregua di un vestito dimenticando che il nostro corpo è il luogo delle passioni. Basta guardare come questo e quelle sono piegati alla logica dell’apparire. Sembra quasi che il fitness e tutte le altre forme di “accanimento” estetico siano una sorta di mortificazione della carne. Il narcisista invaghito della propria immagine continuando a curare solo l’aspetto esteriore si allontana dalle radici del sentire, preoccupato di far bella figura misurerà i suoi gesti per farli aderire al “come tu mi vuoi” della società perdendo il contatto con le emozioni.
Dimentichiamo che il corpo è un linguaggio, un’unità psicosomatica indissolubile, e se la psiche è condannata a tacere, anche il corpo ammutolirà e gli stati d’animo non parleranno più attraverso la pelle.
Ci è arrivato tra capo e collo l'incubo della "prova bikini", l'estate è il momento in cui vanno in scena i corpi “restaurati” da sapienti chirurghi, gonfiati da ginnastica e ormoni o rimodellati e imbottiti con protesi. Ma sono corpi incapaci di esprimere le passioni che abitano nelle viscere.
Non mi stupisco che oggi ci sia bisogno di "sentirsi vivi", è inevitabile il senso d'irrealtà se ci si sconnette dai sensi. Affamati di emozioni e contemporaneamente incapaci di sentirsene toccati.
Se il supporto fisico non serve più, allora meglio disincarnarsi e proiettarsi nello spazio digitale, dove gli spacciatori di sensazioni virtuali creano il Paese dei balocchi.
A proposito di suadenti pubblicità, ne ricordo una che mi fece sorridere e che recitava:

“I tuoi glutei hanno un’aria triste?”…e le braccia sono desolanti? In effetti avevo avuto il sospetto che il mio fondoschiena non fosse particolarmente allegro, che interno cosce e interno braccia fossero “sull’orlo di una crisi di nervi”, ma non immaginavo che anche l’occulto persuasore ne fosse a conoscenza e approntasse le sue armi contro “il male oscuro” che attanaglia le membra. Un corpo in 'crisi esistenziale' interessa al Mercato. La malinconia del gluteo non va sottovalutata, se l’umore scende ecco il prodotto magico che lo fa salire!
Lo tira su e il tono “magicamente” si rialza. Non possiamo lasciare che la nostra silhouette si deprima, no, in estate dev’essere euforica…in fondo lo vogliono tutti un sedere sodo che ride.
E' lo stesso desiderio che anima i sogni delle due protagoniste, amiche-nemiche, nel film "La morte ti fa bella".


Una magica pozione e la bellezza rifiorisce:
http://m.youtube.com/watch?v=yqTTejoQVXw


loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet