Mercoledì, 3 Giugno 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

La Puglia creativa con #Medimex

Tre giorni al centro della musica

Pubblicato in Musica e Visioni il 22/10/2015 da Luciano Anelli
Luciano Anelli
Dal 29 al 31 ottobre torna per la quinta edizione il salone dell’innovazione musicale promosso da Puglia Sounds alla Fiera del Levante di Bari, con 200 ospiti da 27 Paesi, oltre 150 eventi tra live, incontri, panel, workshop e presentazioni
Nella sala stampa della Presidenza della Regione Puglia, è stata presentata la quinta edizione del Medimex, il salone dell’innovazione musicale promosso da Puglia Sounds Alla conferenza stampa, durante la quale sono state presentate tutte le iniziative e attività in calendario, sono intervenuti Loredana Capone - Assessora Sviluppo Economico e Industria Turistica e Culturale Regione Puglia, Alessandro Ambrosi Presidente Camera di Commercio di Bari, Ugo Patroni Griffi Presidente Fiera del Levante di Bari, Silvio Maselli Assessore alle Culture e Turismo Comune di Bari, Paolo Ponzio, Vice Presidente Teatro Pubblico Pugliese, e Antonio Princigalli Coordinatore Puglia Sounds/Medimex.
Una donna autorevole ha chiuso la conferenza stampa, mentre nobiliteranno l’evento donne autorevoli del calibro di: Gianna Nannini, Carmen Consoli, la popstar australiana Natalie Imbruglia, la «Patti Smith del Magreb» Hindi Zahra, Erica Mou e tante altre a cui si affiancheranno nomi maschili come Brian Eno, leggenda vivente del rock, gli scrittori Erri De Luca, Gianluca Carofiglio e Giancarlo De Cataldo, e poi ancora i Sud Sound System e Vinicio Capossela, e tanti altri.
Loredana Capone ha evidenziato il rapporto stretto tra musica ed economia. «Quello della cultura - ha detto l’assessore regionale - è un mondo che vogliamo sostenere fortemente. Medimex, in quest'ottica, rappresenta un evento unico e, al contempo, una grande sfida. La sfida di una filiera fatta di persone, artisti, imprese, istituzioni che hanno costruito nel tempo, attorno a questo straordinario contenitore, un'opportunità di crescita sociale ed economica per l'intero territorio. Professionisti e piccole imprese del mondo della cultura e dello spettacolo in Medimex oggi hanno trovato uno strumento per sviluppare la propria creatività ma anche per internazionalizzare le proprie attività. D'altra parte l'industria creativa è una delle specializzazioni intelligenti della Puglia e su questo capitolo sarà destinata una parte cospicua del portafoglio europeo. Dobbiamo lavorare molto e bene allora affinché la capacità culturale della nostra regione si associ sempre più alla capacità di creare reddito, occupazione. È per questo motivo che, per la prima volta, quest'anno, abbiamo ritenuto indispensabile coinvolgere l'intero territorio e tutti luoghi in cui la musica nasce, si sviluppa, si evolve. Con il Fuori Medimex siamo usciti dalla Fiera per 'invadere' locali, scuole, centri culturali, piazze di diverse città. L'obiettivo nel prossimo futuro è raggiungere ogni lembo della Puglia e creare una piattaforma capace di produrre nuova ricchezza sul territorio. Perché la musica è cultura ma anche industria ed è economia. Insomma la musica è lavoro e la nostra regione lo sa bene».
Antonio Princigalli ha, quindi, parlato delle prestigiose collaborazioni di quest’anno. «A tutti i partner abbiamo chiesto di portare contenuti in questo enorme contenitore di conoscenza, pensato come una vera e propria città della musica».
Paolo Ponzio ha sottolineato il respiro internazionale del Medimex, «un’impresa che tutta l’Europa ci invidia e che amplia i suoi orizzonti anche fuori dal salone espositivo, con un coinvolgimento sempre più forte del territorio».
Alessandro Ambrosi è, quindi, intervenuto sulle iniziative di «Fuori Medimex» organizzate dalla Camera di Commercio di Bari. «Non credo - ha detto Ambrosi - che negli ultimi anni sia stato prodotto in Puglia progetto più innovativo nel settore della creatività, per cui non potevano non essere al fianco del Medimex organizzando una serie di manifestazioni collaterali all’interno del borgo murattiano».
Anche Silvio Maselli, parlando del ruolo del Comune di Bari, ente partner nelle iniziative di «Fuori Medimex», ha detto che il Medimex deve continuare a svilupparsi dentro e fuori la Fiera. «L’area metropolitana di Bari, dove ha sede il 45% dell’industria culturale della regione, deve diventare sempre più interaccia creativa di quest’importante vetrina per l’internazionalizzazione dell’impresa musicale».
Per Ugo Patroni Griffi la Fiera del Levante è la casa del Medimex. «Il nostro - ha detto il presidente della campionaria barese - è un contenitore perfetto per questo tipo di manifestazioni culturali, e la richieste di ospitalità che continuamente riceviamo lo confermano».
Dal 29 al 31 ottobre, 3 giorni al centro della musica, che al Medimex – il salone dell’innovazione musicale promosso nel padiglione più all’avanguardia della Fiera del Levante di Bari da Puglia Sounds - diventa esperienza, scambio e conoscenza aperta a tutti e con i più autorevoli protagonisti del mercato mondiale: dai grandi artisti ai direttori dei festival internazionali più importanti, dalle major alle etichette indipendenti sino alle più autorevoli istituzioni culturali. Una vera e propria città della musica, progettata su una superficie di 20mila metri quadrati con 100 espositori da tutto il mondo, oltre 200 ospiti provenienti da 27 Paesi e 150 eventi (escluse le iniziative collaterali) in tre giorni, tra cui 40 concerti su 5 palchi e 70 appuntamenti in 6 spazi, tra incontri d’autore, panel, case history, face to face(s) e presentazioni. Sono i numeri della quinta edizione del Medimex 2015, che da un lato diventa sempre più manifestazione di tutta la Puglia con il coinvolgimento di operatori dell’intera regione e dall’altro si conferma punto di riferimento per la scena musicale italiana ed internazionale.
Particolarmente ricco si presenta lo spazio dedicato all’attività live. La popstar australiana Natalie Imbruglia, la cantautrice siciliana Carmen Consoli e la «Patti Smith del Magreb» Hindi Zahra saranno le regine del grande spettacolo dei concerti, in programma il 29 e 30 ottobre dalle ore 21.30, all’intero del quale il Medimex presenterà altri tredici concerti di alcuni dei progetti più interessanti della scena musicale italiana e internazionale. Musica suonata anche durante il giorno nello spazio espositivo con ben 25 showcase. Sul palco dedicato alla musica pugliese, il Medimex presenterà gli artisti che hanno prodotto nel 2015 un progetto discografico sostenuto da Puglia Sounds, tra cui Radiodervish, Erica Mou, Raffaele Casarano e Carolina Bubbico.
Prestigiosi anche i nomi dei protagonisti della sezione «Incontri d’autore», dove spicca la presenza di Brian Eno, leggenda vivente del rock che il pubblico del Medimex apprezzerà anche in veste di visual artist nella prima mondiale di Light Paintings, installazione in programma dal 29 ottobre al 14 novembre al Teatro. Oltre al fondatore dei Roxy Music, ospiti degli «Incontri d’autore» saranno Gianna Nannini (per lei anche una conferenza stampa di presentazione del nuovo disco Hitstory in uscita il 30 ottobre), Carmen Consoli, il compositore di colonne sonore per il regista Paolo Sorrentino, David Lang, il collettivo Deproducers (Max Casacci, Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo e Riccardo Sinigallia) gli scrittori Erri De Luca, Gianluca Carofiglio e Giancarlo De Cataldo e - per celebrare i rispettivi venticinque anni di carriera - Ludovico Einaudi, i Sud Sound System e Vinicio Capossela, che per festeggiare quest’importante traguardo al Medimex sarà ospite anche per presentare il nuovo romanzo, Il paese dei coppoloni e il nuovo film Nel paese dei coppoloni in anteprima. Negli «Incontri d’autore» si racconteranno, inoltre, i nuovi fenomeni della musica italiana, il rapper Ensi, Lo Stato Sociale, Francesca Michielin e due vincitori dell’Academy Medimex, The Kolors («artista rivelazione») e Lorenzo Fragola («migliore opera prima»), che in questo speciale riconoscimento figurano accanto a Jovanotti («migliore spettacolo dal vivo», «miglior album» e «migliore videoclip») e Laura Pausini («migliore artista italiana all’estero»).
Tra i punti di riferimento per il music business internazionale arriveranno direttori artistici ed esperti in organizzazione, produzione e promozione dai festival e dalle esperienze di spettacolo dal vivo più importanti su scala planetaria, tra cui Stacey Willhelm del South by Southwest di Austin (USA), Chris Garrit, il «sindaco di notte» di Groningen, la città olandese della nightlife e dell’Eurosonic, Malcolm Haynes di Glastonbury (Gran Bretagna), Enrik Rasmussem di Roskilde (Danimarca), Izzy Loicaono di Great Escape (Gran Bretagna) e Peter Smidt del c/o pop Festival (Germania), che al Medimex racconteranno episodi, aneddoti e situazioni di esperienze diventate dei veri e propri casi mondiali.
Numerosi i panel in programma con relatori italiani e stranieri che porteranno una testimonianza diretta su numerosi temi, dalla rivoluzione digitale al rapporto tra musica e letteratura, dalla rivoluzione digitale alla tutela dei diritti dei creatori, sino ai rapporti tra musica web, occasioni uniche di conoscenza per il pubblico e gli operatori che visiteranno il salone. Su questi argomenti si confronteranno in «Autori del cambiamento» i vertici della SIAE, Filippo Sugar (presidente) e Gaetano Blandini (direttore generale) con Manuel Agnelli (Afterhours), Federico Ferrazza (direttore di Wired), Antonio Princigalli (coordinatore di Puglia Sounds e Medimex) e altri ospiti.
Quest’anno il salone del Medimex diventa una vera e propria città della musica, uno spazio interattivo e dinamico funzionale alle curiosità e agli interessi di pubblico e operatori. Al centro è situata la zona expo, suddivisa in 5 macro-aree: «strumenti musicali e servizi», «live» (festival, agenzie e altri soggetti legati alla promozione e organizzazione di musica dal vivo), «discografia» (ci sarà anche una sezione destinata ai cultori del vinile), «media» e «istituzioni». Tutt’intorno, spazi riservati a iniziative di approfondimento, un’area giochi a tema musicale, un planetario, il Cubled (un’installazione audiovisiva del produttore Giuseppe Acito), la Casa dell’Hip Hop, una sala riservata alla mostra «Musica nomade» e un’altra alle tavole di «Jazz Comics», oltre a due aree per le iniziative della Feltrinelli e della SIAE.
Previsti gli stand di operatori musicali, festival, etichette discografiche, media, istituzioni culturali e associazioni di categoria italiane e internazionali che consentono a visitatori e operatori di entrare in contatto con tutti gli aspetti e le novità del mondo musicale mondiale.
Inoltre il salone dell’innovazione musicale propone due importanti momenti formativi per i giovani, Music Up, sulle connessioni tra musica, creatività e progettualità, e Medimex Kids, progetto che prevede per 10mila studenti pugliesi tra i 10 e 18 anni un incontro ravvicinato con i big della musica italiana e internazionale nel salone espositivo e un faccia a faccia tra i banchi di scuola con dieci artisti pugliesi, dai Negramaro a Renzo Rubino, da Diodato ai Bari Jungle Brothers.
Il Medimex prevede a Bari e Lecce anche una serie di iniziative collaterali e di avvicinamento alla tre giorni del salone espositivo con l’articolata programmazione di Fuori Medimex, con la quale le due città saranno invase da decine di appuntamenti musicali. I partner coinvolti a Bari sono il Comune di Bari, la Confcommercio, il Conservatorio Niccolò Piccinni e Time Zones¸ a Lecce il Comune di Lecce, Officine della Musica e Dama - Danze e musiche dal Salento.
Infatti, nelle giornate tra il 27 e il 28 ottobre la città di Bari si riempirà di musica e colori, grazie alla due giorni di musica di "Barisuona". E' un'esperienza unica all'insegna di tantissime sonorità, dalle più sofisticate a quelle più coinvolgenti.
BARISUONA è un evento speciale che nasce con l'intento di offrire ai cittadini l'occasione di vivere in modo diverso la città. Passeggiare per le vie del centro godendosi lo shopping, ma soprattutto le tante esibizioni dal vivo che si alterneranno nell'arco della due giorni, passando da un isolato all'altro, da un genere all'altro, da un colore all'altro, sarà un'esperienza poli-sensoriale unica in cui la Regina sarà la MUSICA.


Medimex è un progetto Puglia Sounds il programma per lo sviluppo e la promozione del sistema musicale pugliese che la Regione Puglia, Assessorato Industria Turistica e Culturale - Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali nell’ambito del fondo di sviluppo e di coesione 2007-2013 ha affidato al Teatro Pubblico Pugliese, con il supporto dell’Assessorato Sviluppo economico - Competitività, Attività economiche e consumatori, Energia, Reti e Infrastrutture materiali per lo sviluppo, Ricerca Industriale e Innovazione. Main Partners SIAE, LaFeltrinelli, Fiera del Levante, Unioncamere Puglia, Enterprise Europe Network, Camera di Commercio di Bari, Comune di Bari. Media Partners Rai Radio 2 e la Repubblica.it/Webnotte