Sabato, 31 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Le nostre lacrime

La data accomuna due vite profondamente diverse: il Grande Statista, il Giovane Ribelle

Pubblicato in Giustizia e Legalità il 10/05/2014 da Marco Guida
9 maggio 1978. La data accomuna due vite profondamente diverse: il Grande Statista, il Giovane Ribelle.
In questi anni con la manifestazione L’Edificio della Memoria abbiamo portato nelle scuole, nei tribunali, in piazza i testimoni di tante vite sfumate; i parenti, gli amici di chi è stato parte della nostra storia, e tale è diventato perché il suo impegno, le sue idee ne hanno sancito il martirio.
In questi anni abbiamo sentito tante storie, grazie a questi gentili, appassionati, amareggiati, dolorosi e doloranti testimoni, abbiamo avuto modo di guardare il lato non visibile della Luna, l’aspetto umano dei loro cari.
Ed il cammino del Grande Statista e del Giovane Ribelle si sono ancora una volta incrociati, non nel momento della morte, ma in quello del ricordo dei loro percorsi di vita, attraverso l’affetto immenso che traspare in ogni virgola, in ogni foto, in ogni silenzio che Agnese Moro consegna ai ragazzi, agli uomini ed alle donne che l’ascoltano; o attraverso le immagini di una passione immensa per la giustizia che Giovanni Impastato ti trasmette nel parlare del fratello Peppino.
Ed idealmente il Grande Statista ed il Giovane Ribelle si sono ritrovati abbracciati quando Agnese, davanti ad una piccola folla di ragazzi commossi, ha confessato a Giovanni, incontrandolo per la prima volta, di essersi resa conto di un ulteriore, involontario dolore, quello che “le nostre lacrime, quel giorno, hanno offuscato le vostre!”.