Mercoledì, 1 Aprile 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ma ve li ricordate 'I Robinson'?

Il protagonista Bill Cosby ha rivelato che durante le riprese drogava le giovani donne per farci sesso nei camerini

Pubblicato in Esperienze di vita il 10/07/2015 da Francesca Romana Pisciotta
Francesca Romana Pisciotta
Ma ve li ricordate "i Robinson"? Vi ricordate quella figura paterna, coccolosa, presente che tutte noi, figlie degli anni 80, con la tv da baby sitter, sognavamo? Il dott. Robinson ( Bill Cosby), nella serie un ginecologo…. Oggi lui stesso ammette che durante le riprese drogava le giovani donne per farci sesso nei camerini. Attore, ricco, all'apice del successo faceva sesso non consensuale con donne rese arrendevoli dall'uso di stupefacenti. No, non è possibile. queste cose me le aspetto dal bifolco di provincia, ignorantello, tutto birra, rutti e partite. Quello che frequenta il bar dello sport e che sicuramente picchia la moglie. Invece io vi dico che queste cose succedono in tutte le classi sociali. Prendiamo per esempio un classico della letteratura moderna: Lolita di Nabokov- "accade a volte che talune fanciulle, comprese tra i 9 e i 14 ani [……] rivelino la loro vera natura di ninfette […..] entro questi medesimi limiti di età il novero delle vere ninfette è straordinariamente inferiore alle altre ragazzine[…] che siano in via provvisoria bruttine" Humbert descriveva come in realtà fosse normale provare attrazione per "giovani donne".
Quasi il 90% delle donne ha subito abusi nella prima adolescenza. Che sia stata una mano tra le cosce o una violenza, telefonate oscene o proposte. Poi però non si dice a nessuno, per la paura di quello che direbbe mamma, la vergogna perché quello zio o amico di famiglia negherebbe e la pazza saresti tu. Tu che hai subito e alla vergogna s'aggiunge l'infamia. Allora ti guardi allo specchio e decidi che da quel momento saresti stata solo una bella bambola, un'oggetto. Ti dai, ti dai, tanto sei buona solo a quello. Perfavore proteggete le giovani donne, ascoltatele, date valenza alle loro parole, quella è la voce della paura e del rimpianto. Aspettare che quella vita si spezzi non giova a nessuno. Diamo voce alle nostre ragazze.