Lunedì, 20 Agosto 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Beppe Di Maria con Carvinea ha reso giustizia all'ottavianello

Da anni produce Otto, un'etichetta che esalta il vitigno pugliese

Pubblicato in Turismo Enogastronomia Lifestyle il 14/04/2018 da Teresa Salerno

Beppe Di Maria, imprenditore pugliese delle auto di lusso, non ha resistito alla grande bravura e professionalità di Riccardo Cotarella. Dopo essere stato attratto dal richiamo delle radici, qualche anno fa, investe nella viticoltura pugliese, riportando al suo antico splendore la Masseria Pezza d'Arena in agro di Carovigno, in provincia di Brindisi.

Qui fonda la sua cantina: Carvinea.

 

Anziché puntare sui soliti vitigni: Negroamaro, Primitivo, Nero di Troia ecc. ecc., decide di scommettere sull’Ottavianello, un vitigno autoctono a bacca nera. Dopo una lunga ed accurata selezione, finalmente dà vita ad “Otto”, prodotto da uve Ottavianello in purezza. 

“L'Ottavianello è stato ingiustamente accantonato per lungo periodo, per le sue caratteristiche che lo allontanano dal prodotto classico pugliese. Ci voleva l'iniziativa forte, visionaria e libera da condizionamenti di un imprenditore come Beppe di Maria per riscoprirlo e valorizzarlo, riportandone alla luce tutta l'eleganza e il potenziale di vino di altissimo livello”, ha dichiarato Cotarella. 

Dal canto duo Di Maria resta fedele alla sua innata sincerità: “Ero ospite di un contadino di Ostuni che produce per sé e i suoi amici poche centinaia di litri di vino ottenuto da alcuni ceppi di Ottavianello piantati nella campagna che circonda la sua abitazione. Al di là dei tanti difetti tecnici riscontrati all’assaggio, m’invaghii di alcune note gusto-olfattive sublimi. Decisi che avrei dovuto provare a dare lustro a questa varietà dimenticata e sono entusiasta di Otto e pronto a scommettere sul futuro brillante che lo attende”.



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet