Giovedì, 14 Dicembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

A Bari la prima tappa di 'Fedeturismo on tour': iniziative e progetti per ampliare il confronto con gli associati (VIDEO)

Marina Lalli, presidente vicario Federturismo: 'Con il piano strategico del turismo la Puglia abbia le risorse per recuperare terreno, dovremo essere ben allineati per il futuro'

Pubblicato in Turismo il 01/03/2017 da Giuseppe Bellino

Confrontarsi con gli operatori del settore, condividere iniziative e illustrare nuovi progetti. Sono questi gli obiettivi di ‘Federturismo on tour’, il ciclo di incontri che la Federazione organizzerà nei prossimi mesi in tutta Italia. L’iniziativa è partita da Bari e dalla Puglia come spiegato da Marina Lalli, presidente vicario Federturismo: “La nostra Federazione si pone l’obiettivo di essere sempre vicino alle aziende territoriali associate a Confindustria-. Avendo ricevuto la delega di presidente ho scelto di partire dalla mia terra, da Bari, e dalla Basilicata. Toccheremo tutte le regioni per far sentire la nostra presenza e offrire i nostri servizi a tutte le aziende associate, spiegando quali sono i benefici che possiamo portare sul territorio con l’attività che facciamo centralmente a Roma. L’obiettivo è fare sistema sempre più in modo strutturato e organizzato”.

La Puglia rappresenta senza dubbio uno degli esempi virtuosi italiani nel settore turistico, ma secondo la presidente “esistono territori più collaudati come Roma, Firenze e Venezia” che “riescono ad attirare più turisti stranieri”. Tuttavia la regione pugliese ha la capacità di recuperare terreno: “Lo abbiamo già fatto negli anni passati – spiega la dott.ssa Lalli -  Penso che con il piano strategico del turismo abbiamo anche le risorse per riproporci, dovremo essere ben allineati per il futuro”.

Le strutture ricettive pugliesi stanno assumendo sempre più importanza a livello internazionale ma sono poco conosciute nel mondo asiatico: “Su questo punto siamo molto indietro – aggiunge la presidente -  dobbiamo colmare questo gap nel più breve tempo possibile. Manca anche un po’ di formazione per chi si occupa di accoglienza. Molto è lasciato al nostro naturale modo di essere accoglienti, ma a questo bisogna aggiungere la professionalità. Il turismo è una industria, come ogni industria ha bisogno di una giusta formazione”.

L’incontro è stata l’occasione per discutere di relazioni industriali, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di Federturismo e sono stati illustrati i progetti avviati in materia di turismo e sostenibilità.

“Abbiamo immaginato di andare nei territori per iniziare un lavoro di ascolto e confronto su dei temi che la federazione porta avanti – spiega Alessandro Barreca, Direttore Generale di Federturismo Confindustria – per dare più forza al lavoro che insieme dobbiamo fare a Roma. Noi ci confrontiamo regolarmente con le regioni, il piano strategico in realtà è un macropiano e prevede al suo interno dei piani annuali. Per noi è utile sapere qual è il sentiment nei vari territori per poterci confrontare con i rappresentanti delle regioni. Completeremo questo tour prima dell’inizio dellestate”.

All’incontro ha preso parte anche l’assessora regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, che ha sottolineato la “stagione straordinaria” vissuta dalla Puglia con “gli arrivi che crescono del 7% rispetto al 2015”In questo scenario positivo si apre adesso una nuova fase per il turismo in Puglia: “Con il varo in Giunta regionale del Piano strategico del Turismo – aggiunge l’assessora -  i punti di criticità emersi dalle indagini fatte e dalla riflessione per la costruzione del Piano strategico si possono sintetizzare con una curva dei flussi ancora troppo stagionale e la necessità di realizzare servizi e prodotti turistici innovativi e di qualità. Le azioni concrete riguardano, oltre alla promozione, soprattutto l'accoglienza, la formazione e le infrastrutture. Il turismo può diventare un motore dello sviluppo economico e della occupazione. Se sapremo lavorare bene, e Federturismo può avere un ruolo importante in questo impegno, avremo colto una occasione unica di sviluppo economico che ci consentirà anche di creare occupazione e di intercettare nuovi finanziamenti, sia pubblici che privati”.



loading...