Domenica, 21 Ottobre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Accordo Cnr Lecce e Istituto Giovanni Paolo II Bari: nanotecnologie impiegate al servizio delle terapie dei tumori

'La collaborazione - aggiunge il professor Gasparini - consentirà di declinare al meglio la missione del nostro polo oncologico'

Pubblicato in Sviluppo il 22/04/2016 da Redazione

E' stata siglata un'intesa tra l'Istituto di Nanotecnologia del CNR (CNR NANOTEC) di Lecce e l’IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari.

Sottoscritto dal Direttore Generale Dr. Vito Antonio DELVINO, dal Direttore Scientifico prof Giampietro Gasparini per l'Istituto Tumori e dal direttore del CNR NANOTEC prof Giuseppe Gigli, i due Istituti hanno ritenuto di formalizzare un accordo di collaborazione finalizzato allo sviluppo di attività congiunte nell'ambito delle applicazioni delle nanotecnologie alla salute a scopo diagnostico e terapeutico.

"L'accordo" - sottolinea il professor Giuseppe Gigli, Direttore dell'Istituto di Nanotecnologia del CNR - "consentirà di unire competenze sinergiche presenti sul territorio ed indirizzarle verso progetti di ricerca specifici. Per l'Istituto di Nanotecnologia del CNR, si tratta di operare con un partner che, in quanto IRCCS, ha delle finalità di ricerca complementari.

Con IRCSS Giovanni Paolo II cooperiamo nell’ambito della Regione e con la firma di questo accordo, riteniamo ci siano tutti i presupposti per poter raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, sia nel settore della selettività dei farmaci con implementazione della efficacia e riduzione della tossicità quanto in quello della metabolomica e immunometabolismo per la diagnostica avanzata e della ricerca biomedica sulle terapie dei tumori. Possiamo contare su una squadra interdisciplinare composta da biologi, medici, genetici, chimici, fisici, matematici, nanotecnologici, ingegneri oltre che sul costante supporto di scienziati di fama internazionale che fanno parte della comune rete scientifica."

"L'intesa", aggiunge il prof Giampietro Gasparini," nasce anche dal bisogno di far fruttare le competenze e le capacità della ricerca pubblica e privata attraverso il coinvolgimento a rete degli Enti territoriali. Sperimentare nuovi modelli organizzativi così da potenziare e migliorare le relazioni tra i nodi della Rete Oncologica della Puglia; incoraggiare lo sviluppo e l'applicazione di nuove tecnologie alla medicina; elaborare strategie condivise per ottenere finanziamenti nazionali ed europei. Tutto ciò, con ricadute importanti sulla competitività dell’industria nazionale, sul progresso scientifico e sullo sviluppo del Sistema-Puglia.

La collaborazione dei ricercatori dell’IRCCS di Bari dedicati allo sviluppo di nanotecnologie che trovano applicazione sia nello studio della biologia dei tumori che nelle possibile applicazione cliniche con i ricercatori del Cnr Nanotec, siamo fermamente convinti, ci consentirà di declinare al meglio la missione del nostro polo oncologico. Questo Protocollo d’Intesa prevede l’individuazione e il successivo sviluppo di un portafoglio di programmi di ricerca, dedicati specificamente a temi di comune interesse. Lavorare insieme ci permetterà di capitalizzare l'esperienza di entrambe le strutture ed indagare ulteriori aspetti della ricerca oncologica".

La moderna medicina predittiva, preventiva e personalizzata richiede lo sviluppo di nuovi metodi e piattaforme analitiche. L'aspettativa di un approccio personalizzato quando si parla di prevenzione, diagnosi, trattamento e monitoraggio della malattia, richiede maggiore affidabilità, convenienza e facilità di applicazione di analisi e terapie. Le tecnologie fondate nello sviluppo delle nanotecnologie innovative e applicabili al letto del paziente contribuiranno enormemente nel soddisfare tutte queste esigenze.

 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet