Domenica, 19 Novembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Lab Summer Class and Festival': Bari ospita i grandi protagonisti della musica classica da camera

In programma un percorso di formazione aperto a giovani talenti che avranno l’opportunità di seguire lezioni individuali di pianoforte, viola, violino, violoncello e clarinetto

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 06/07/2017 da Alessandra Rizzi

A Bari va di scena la musica classica da camera internazionale. Dall’8 al 15 luglio infatti Bari ospiterà la seconda edizione del Lab Summer Class e Festival, organizzato dal pianista di fama internazionale Nikolaas Kende insieme al Comune di Bari e al Circolo Beethoven. Si tratta di un percorso di formazione di eccellenza aperto a giovani talenti provenienti da tutto il mondo che avranno l’opportunità di seguire lezioni individuali di pianoforte, viola, violino, violoncello e clarinetto con musicisti di fama internazionale, di partecipare a workshop e suonare musica da camera. Il programma del Festival è stato presentato dal pianista Nikolas Kende, dall’Assessore alle Culture del Comune di Bari Silvio Maselli e da Stefania Gianfrancesco del Circolo Beethoven.

 

“Il progetto che presentiamo oggi- ha detto Maselli in conferenza- è una bellissima opportunità per Bari per tre motivi. Innanzitutto Bari è una città di mare, solare, la cui bellezza è perfettamente in armonia con la meravigliosa bellezza che i musicisti sono in grado di produrre. Poi è una città ben connessa con l’Europa da un punto di vista aeroportuale e questo la rende facilmente palcoscenico di iniziative dal respiro internazionale. Infine è una città che ha volentieri messo a disposizione delle lezioni e dei concerti dei luoghi bellissimi, Casa Piccinni, il Fortino Sant’Antonio, l’Università, il Conservatorio, il Circolo Beethoven, la Vallisa. Bari è una città pronta ad accogliere iniziative così belle e di qualità e anche questa rientra a pieno titolo nella nostra programmazione estiva. Spero infatti che a questa edizione ne seguano altre. Mettiamola così, il Festival che presentiamo oggi è un primo assaggio di quello che potrebbe accadere dalla prossima estate nella nostra città che non ha ancora un Piano city nonostante i tantissimi studenti di Conservatorio e pianisti affermati. Ma ci stiamo lavorando”.

 

Nel corso del Lab Summer Class e Festival ci saranno anche 4 concerti in programma alla Vallisa  alle 20:30:

8 luglio: Russian sense, French sensibility (Première Rhapsody- Claude Debussy, Vocalise- Sergei Rachmaninov, L’Histoire du Soldat- Igor Stravinsky, La Dans du Diable)

10 luglio: noble Narziss, flaming Goldmund (Grand Duo Sonata D574-Franz Schubert, Piano Quartet n. 1 Opus 25- Johannes Brahms)

12 luglio: Melancholia (From 8 pieces- Max Bruch, Sonata for clarinet e piano opus 13, Piano Trio elegiaque n. 1 Sergei Rachmaninov)

14 luglio: gran finale con un concerto di musica da camera dei migliori allievi della masterclass.

 

“Anche noi abbiamo la speranza che questa sia la prima di una lunga serie di edizioni- ha commentato il pianista Kende-. Dopo il successo della prima edizione in Germania a Görlitz-Zgorzelec, abbiamo scelto Bari perché la Puglia è una regione bellissima che amiamo molto e che ci sta dando la possibilità di suonare in posti meravigliosi. Noi vogliamo coniugare la bellezza della musica con quella dei luoghi, per questo Bari ci è sembrata la scelta migliore.”

 

I docenti delle masterclass- Nikolaas Kende, Jolente de Maeyer, Juan-Miguel Hernandez, Jacob Shaw, Sven van de Voorde, Mathias Coppens-  sono musicisti di fama internazionale, insigniti di riconoscimenti importanti e che girano il mondo alternando la docenza e le esibizioni e gli studenti che parteciperanno alla masterclass provengono da tutto il mondo, Scozia, Belgio, Messico, Regno Unito, Paesi Bassi, Germania, Ungheria, Spagna, Corea del Sud, Bulgaria, Romania, Portogallo, Francia, Islanda, Lettonia.

 

“Sono molto contenta di questa collaborazione che permetterà alla città di Bari di essere palcoscenico di musica classica di eccezionale qualità”- ha concluso Stefania Gianfrancesco del Circolo Beethoven. “Ma soprattutto è stato bello l’abbraccio, l’accoglienza che la città, e il Comune in particolare, ha riservato a questi musicisti, qui sconosciuti ai più ma che a livello internazionale sono degli indiscussi professionisti. La musica classica è noiosa se suonata e proposta in maniera noiosa, ma sono convinta che con questo Festival se ne capirà invece la straordinaria bellezza”.

 

I biglietti per assistere ai concerti previsti in Vallisa costano 10 € per gli adulti e 7 € per gli studenti. Per informazioni e ulteriori dettagli sul programma e i profili degli insegnanti è possibile consultare il sito del Comune di Bari.

 



loading...