Giovedì, 21 Giugno 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Lotta all'evasione fiscale, firmato protocollo d'intesa tra comune, agenzia delle entrate e Guardia di Finanza

L'attività di prevenzione passerà anche da corsi di formazione che consentiranno ai funzionari coinvolti di conoscere tutte le informazioni in merito alle procedure da adottare

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 05/06/2018 da Redazione

È stato sottoscritto questa mattina, a Palazzo di Città, il protocollo d'intesa finalizzato a contrastare l'evasione fiscale che impegna il Comune di Bari, l'Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza, ciascuno nel rispetto delle competenze e dei rispettivi poteri istituzionali, a sviluppare ogni sinergia finalizzata alla prevenzione e al contrasto del fenomeno. A siglare l'accordo il sindaco Antonio Decaro, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Gen. B. Nicola Altiero e il direttore regionale dell'Agenzia delle Entrate Antonino Di Geronimo.

"Oggi sottoscriviamo questo protocollo d'intesa che impegna i nostri tre enti a sviluppare una collaborazione costante, finalizzata da un lato alla prevenzione, dall'altro alla lotta all'evasione fiscale - ha dichiarato Antonio Decaro -. Per farlo ci serviremo delle cosiddette segnalazioni qualificate, un approccio che ha funzionato molto bene qualche anno fa. Segnalazioni qualificate, per intenderci, sono quelle che riguardano attività che si svolgono sul territorio comunale e che necessitano di autorizzazioni da parte del Comune - penso all'edilizia, alle scia, alle occupazioni di suolo pubblico -. Dati che vengono incrociati per verificare se poi, a valle di quelle attività, sono state emesse le relative fatture. Se si certifica un fenomeno evasivo, una parte di tutto ciò che viene recuperato torna nella disponibilità del Comune, che oggi, in tema di evasione fiscale, è impegnato su più fronti. Con le prescrizioni previste dall'armonizzazione del bilancio, ad esempio, non è più possibile iscrivere a bilancio l'ammontare delle sanzioni comminate dalla Polizia locale come avveniva in passato, ma solo la media di quanto effettivamente incassato dal Comune negli ultimi 5 anni. L'attività di prevenzione passerà anche da corsi di formazione che consentiranno ai funzionari coinvolti di conoscere tutte le informazioni in merito alle procedure da adottare. L'obiettivo resta quello di garantire equità all'azione istituzionale, perché pagare tutti consente a tutti di pagare meno, e questo vale a partire dai piccoli gesti quotidiani, come pagare il biglietto dell'autobus, che significa non solo rispettare le regole, com'è giusto che sia, ma anche garantire la sostenibilità del servizio. Diversamente il Comune si vedrebbe costretto a tagliare alcune corse del tpl o a imporre costi maggiori alla fiscalità generale, con il risultato paradossale che anche chi non utilizza i mezzi pubblici debba pagare il servizio".

La partecipazione dei Comuni alla fase di accertamento dell'evasione non nasce oggi, ma addirittura nel '73, però si tratta di un approccio che non è mai pienamente decollato. Noi, oggi, siamo intenzionati a far partire questo circolo virtuoso che vede tre enti istituzionali collaborare per raggiungere un obiettivo comune. Per farlo sarà importante anche l'attività di formazione rivolta al personale comunale, un passaggio strategico per il quale confermiamo tutta la nostra disponibilità".

Tecnicamente per segnalazioni qualificate si intendono le segnalazioni che riguardano posizioni soggettive per le quali sono stati rilevati fatti, atti, negozi giuridici e quant'altro evidenzi fenomeni evasivi senza necessità di ulteriori elaborazioni logiche. Dal 2014 ad oggi la ripartizione Tributi del Comune di Bari ha inviato alla Guardia di Finanzia e all'Agenzia delle Entrate 368 segnalazioni qualificate.

 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet