Domenica, 17 Dicembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Gli uffici della Regione Puglia ospiteranno il centro polifunzionale per l'infanzia e l'adolescenza

Si tratta della prima sede integrata di Uffici regionali in Italia dotata di un centro polifunzionale per l’infanzia.

Pubblicato in Sviluppo e Lavoro il 03/08/2017 da Redazione

Varcheranno gli Uffici della Regione sin da piccoli, anzi  potranno avere da 0 a 36 mesi, oppure  da tre a sei anni. Non saranno contrattualizzati  ma “ospitati” durante l’orario di lavoro dei genitori presso il nuovo centro funzionale  per l’infanzia e l’adolescenza di   cui la Regione, con la delibera approvata ieri in Giunta su proposta congiunta degli assessori Negro e Curcuruto, ha deciso di dotarsi.

Un gruppo di lavoro interassessorile è stato chiamato  a dare concretezza alla proposta dal punto di vista tecnico. Seguiranno  le valutazioni tanto economiche gestionali che  socio educative individuando le soluzioni più idonee per il funzionamento di una struttura  aperta non solo ai figli di mamme e papà  che lavorano in Regione-consentendo cosi la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro-,ma anche  ai piccoli del popoloso quartiere Japigia, dove sorge  la sede  esecutiva della Regione e dove, a breve, si trasferiranno anche gli Uffici del Consiglio regionale.

Il Centro ospiterà  un “ nido” per i piccoli fino a 36 mesi,  un centro ludico per i bambini fino a 6 anni ed un centro polivalente per i minori fino a 17 anni.

Nel pomeriggio potranno essere  ospitati fino a 50 ragazzi, e  20 bambini  nelle fasce mattutina e pre-pomeridiana.  La struttura sarà interamente finanziata con i fondi  dell’Unione europea destinati all’infrastrutturazione sociale e socio –educativa.

Siamo molto soddisfatti – hanno detto gli assessori Salvatore Negro e Anna Maria Curcuruto –perché questa decisione  segna un punto di svolta nel processo voluto ed  avviato dai dipendenti regionali , anche attraverso le loro organizzazioni interne  e    considerato talmente che  già da due anni era parte integrante del Piano per le azioni positive, quale intervento di welfare aziendale. E’ assai significativo, inoltre, che l’idea progettuale sia cresciuta con la differenziazione dei bisogni: alcuni anni fa si parlava solo di asilo nido, quindi per i bambini piccolissimi, oggi a grande richiesta la struttura si predispone a rispondere alla domanda di servizi e di conciliazione di dipendenti giovani e meno giovani, con figli piccolissimi e già inseriti nel percorso scolastico.


“Non possiamo non rilevare con orgoglio che si tratta della prima sede integrata di Uffici regionali in Italia dotata di un centro polifunzionale per l’infanzia. Ora siamo tutti impegnati ad assicurare tempi celeri per l’approvazione del progetto esecutivo, e per la sua cantierabilità”.




loading...