Lunedì, 26 Giugno 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Fc Bari, il capitano Moras: 'Questa squadra non crede molto in se stessa, dobbiamo migliorare. Adesso contano i fatti'

Il capitano sostituisce Colantuono alla vigilia dell'importante match contro il Carpi: 'Dobbiamo essere più attenti del solito, in questo periodo paghiamo al primo sbaglio commesso'

Pubblicato in Sport il 15/04/2017 da Giuseppe Bellino

“Questa squadra non crede molto in se stessa, dobbiamo migliorare su questo aspetto”. Così Evangelis Moras, capitano del Bari, alla vigilia dell’importante sfida contro il Carpi. Il capitano biancorosso ha sostituito mister Colantuono, che ha preferito non incontrare i giornalisti, nella consueta conferenza stampa pre partita.

 

“Parliamo di ultima spiaggia dall’inizio dell’anno – spiega il difensore greco - avrei preferito non parlare oggi perché durante l’anno abbiamo detto tante cose. Adesso contano solo i fatti, dobbiamo essere più concentrati e credere nelle nostre qualità. Non c'è più tempo da perdere, dobbiamo andare a Carpi con questo pensiero altrimenti faremo un altra brutta partita”. 

 

Gli emiliani sono a due punti dai biancorossi e con una vittoria potrebbero rientrare nel discorso playoff: “Sappiamo come giocano – continua Moras – preferiscono le palle lunghe e accorciano molto bene,  fanno poco possesso palla. Abbiamo preparato bene la partita, dovremo essere più attenti del solito perché in questo periodo paghiamo al primo sbaglio commesso”.

 

Nelle ultime quattro partite lontano dal San Nicola il Bari ha sempre perso. Gli uomini di Colantuono dovranno invertire la marcia lunedì in Emilia Romagna: “Dobbiamo partite con la mentalità vincente – aggiunge Moras -, bisogna leggere la partita e capire se siamo in difficoltà o no. Se il momento lo permette, dovremo puntare alla vittoria. Questo è stato il nostro punto debole, dovevamo leggere meglio alcune partite e magari accontentarci di un pareggio. 

 

In settimana i tifosi hanno fatto visita alla squadra contestando gli ultimi risultati negativi: “Più che una contestazione lo definirei un dialogo – spiega il capitano - è stato un confronto giusto per capire cosa pensano i tifosi. Loro ci seguono dappertutto e noi non abbiamo dato ancora una gioia. In questo momento dobbiamo carpire le cose positive e cercare di mettere in campo questa voglia che ci hanno trasmesso”.

 

Infine Moas ha espresso una riflessione sul gruppo creatosi a Bari da inizio anno: “Un gruppo così non l'ho mai visto, qui da inizio anno non è mai successo un litigio tra compagni. Forse siamo troppo buon, è necessario fare autocritica e migliorarci singolarmente. Tuttavia in questa città c'è una negatività che non mi piace, in molti casi sono state dette cattiverie nei nostri confronti . Dobbiamo cercare di lasciare fuori queste cose e crederci un po' di più”. 



loading...