Lunedì, 11 Dicembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari-Avellino 2-1, Improta e Galano firmano la remuntada biancorossa

Grande reazione degli uomini di Grosso che ribaltano il momentaneo vantaggio siglato da Kresic

Pubblicato in Sport il 08/10/2017 da Giuseppe Bellino
Foto Fc Bari 1908

Remuntada biancorossa al San Nicola. Gli uomini di Grosso, in piena emergenza difensiva, battono l’Avellino e allungano la striscia positiva casalinga con la terza vittoria consecutiva. Al vantaggio irpino firmato da Kresic rispondono Improta ed un rigore trasformato da Galano. Biancorossi poco pericolosi nella prima frazione di gioco, mentre nel secondo tempo è arrivata la reazione con le due reti siglate in poco più di cinque minuti. Grande prestazione di Jacopo Petriccione, schierato per la prima volta nell’undici titolare da Fabio Grosso, e del solito Improta, alla sesta rete stagionale. Nel prossimo turno i galletti saranno impegnati sul campo della Pro Vercelli.

 

La partita

Emergenza massima per Fabio Grosso che è costretto a reinventare la linea difensiva. Alle assenze di Tonucci, D’Elia e Sabelli si aggiungono Gyomber e Capradossi, entrambi convocati in nazionale. Il tecnico abruzzese riconferma il 3-5-2 con Marrone, Cassani e Fiammozzi a protezione di Micai, in mediana spazio a Petriccione, Busellato e Tello con Improta e Morleo sugli esterni. In avanti Cristian Galano torna in campo dal primo minuto accanto all’unica punta Cissè.

Novellino conferma il 4-4-2, in avanti coppia formata da Ardemagni e Asencio.

Ritmo blando e poche occasioni da gol nei primi venti minuti di gioco, con i biancorossi che fanno la partita ma non riescono a superare il muro difensivo formato dall’Avellino. Pochi palloni giocabili per Galano e Cissè, mentre Improta prova ad entrare in partita sfruttando le discese di Morleo sulla fascia sinistra. Ospiti pericolosi con una mischia in area liberata prontamente dai difensori biancorossi, alla mezz’ora Laverone salta Mroleo e crossa ma Ardemagni non aggancia a pochi metri dalla porta di Micai. Nel finale il Bari prova a spingere e si fa vedere prima con un cross di Improta deviato con un braccio da Migliorini ma considerato regolare da Aureliano, poi con un gran tiro di Galano che centra in pieno l’incrocio dei pali.

Nel secondo tempo il copione non cambia, la partita si gioca a centrocampo con frequenti contrasti e interruzioni. Novellino sostituisce Laverone e il giovanissimo Asencio con Biadoui e Castaldo, dando così maggiore fisicità al suo attacco. La partita si accende improvvisamente al 65esimo: mischia in area biancorossa, Kresic raccoglie un pallone vagante e batte Micai di sinistro. Il vantaggio degli ospiti però dura soltanto sessanta secondi: Improta riceve palla sulla trequarti e scarica un destro imparabile che si infila nell’angolino alto della porta difesa da Lezzerini. Il Bari ci crede e cinque minuti dopo trova il gol del vantaggio con Galano che trasforma un calcio di rigore concesso da Aureliano per un fallo di mano in area di rigore. L’ala foggiana torna al gol dopo il lungo stop che lo ha tenuto lontano dai campi per quasi due mesi. Gli ospiti non si arrendono e al 77esimo sfiorano il pareggio con un colpo di testa di D’Angelo neutralizzato da un ottimo Micai. Novellino getta nella mischia Camara’ al posto di Molina e passa al 4-3-3,  Grosso risponde inserendo Nenè al posto di Galano. Nel finale i biancorossi provano a chiudere il match con un diagonale di Tello neutralizzato da un ottimo intervento di Lezzerini. Nel finale spazio anche per Brienza che manda in porta Nenè, il brasiliano si fa ipnotizzare dal portiere avversario e fallisce l’occasione per siglare il 3-1.

 

 

Il tabellino di Bari-Avellino

Bari (3-5-2): Micai; Morleo, Marrone, Cassani; Fiammozzi, Busellato, Petriccione, Tello, Improta (89’ Brienza); Galano (81’ Nenè), Cissè. All. Fabio Grosso

Avellino (4-4-2): Lezzerini; Ngawa, Migliorini, Kresic, Rizzato; Laverone (52’ Bidaoui), D’Angelo, Di Tacchio, Molina (76’ Camara); Asencio Ardemagni. All. Walter Novellino  

MARCATORI: Kresic (A); Improta (B); Galano (B)

AMMONIZIONI: Cassani (B); D’Angelo (A), Ngawa (A)

SPETTATORI: 15994

ARBITRO: Sig. Gianluca Aureliano di Bologna /Cecconi di Empoli/Luciano di Lamezia Terme/ Fourneau di Roma



loading...