Martedì, 17 Ottobre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Vaccini, docenti e ricercatori scrivono a Emiliano: 'Affidarsi alla scienza un dovere per le istituzioni'

Lettera aperta al governatore di Puglia

Pubblicato in Salute il 31/08/2017 da Redazione

“I vaccini salvano vite. Chiediamo un’alleanza virtuosa tra comunità scientifica e istituzioni per contrastare con maggiore determinazione tutte le situazioni che tendono a minare il ruolo dei vaccini”. È questo l’appello dei docenti e ricercatori Uniba e degli enti di ricerca rivolto al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Nei giorni scorsi il governatore ha incontrato i gruppi di cittadini contrari all’obbligo vaccinale assicurando sostegno nei ricorsi che questi faranno contro la legge. Una presa di posizione che ha scatenato le polemiche della comunità scientifica.

“L’approvazione della legge sull’obbligatorietà dei vaccini – si legge nella lettera firmata da ventidue tra docenti e dirigenti della sanità pugliese -  ha indubbiamente generato un ampio dibattito non solo nella società e nel mondo politico, ma anche nella comunità scientifica. L’aver sancito un obbligo per tentare di riportare le coperture vaccinali a livelli di sicurezza, come raccomandato dalle massime autorità sanitarie mondiali, europee e nazionali, non è un traguardo né per il mondo scientifico né per le istituzioni. Il traguardo sarà raggiunto quando avremo riguadagnato la fiducia dei cittadini nella scienza e in un importante strumento di prevenzione quale quello della vaccinazione”.

“I vaccini salvano vite – continua la nota - e questo è un dato incontrovertibile. Tutta la medicina moderna è basata sull’evidenza dell’insostituibilità della vaccinazione, e la società scientifica che ne valida i risultati rappresenta una comunità internazionale sempre aperta al dibattito fondato su prove. Sulle vaccinazioni si sono diffuse infondate preoccupazioni alimentate anche dai “new media”, capaci di generare un ingiustificato allarme sociale sui presunti danni alla salute causati dai vaccini. Inevitabilmente, questo cortocircuito ha determinato una progressiva, preoccupante e rischiosa riduzione delle coperture vaccinali e prevedibili conseguenze sulla salute pubblica che sono sotto gli occhi di tutti. L’ampliamento degli obblighi vaccinali, pur in presenza di opinioni legittimamente diverse, è stata ritenuta una scelta che riveste carattere di necessità per superare le disuguaglianze regionali in tema di offerta vaccinale e per supportare tutti i coloro i quali quotidianamente lavorano per il conseguimento di obiettivi di Sanità Pubblica. Sanità Pubblica vuol dire porre l’interesse collettivo in tema di salute al di sopra di quello del singolo. Vivere in una collettività significa non arrecare danno alla salute altrui, bambini, anziani, e persone fragili in particolare, in nome di una presunta libertà di non vaccinare”.

“La scienza lavora per il benessere di tutti – conclude la nota - e perché sia condivisa e accettata necessita di essere compresa. Un' informazione corretta, a tenuta di strumentali effetti distorsivi, dovrebbe sempre far riferimento a fonti accreditate e dare voce ad esperti di riconosciuta competenza. Compito della comunità scientifica, medica e accademica in generale, è fugare timori e svolgere un ruolo fondamentale nella divulgazione e nella partecipazione alla vita democratica del paese. In questo momento, è indispensabile una grande responsabilità collettiva. Chiediamo, pertanto, alle istituzioni un impegno forte e concreto per creare un’alleanza virtuosa tra comunità scientifica e istituzioni per contrastare con maggiore determinazione tutte le situazioni che tendono a minare il ruolo dei vaccini ed affermando senza “altre verità” che questi rappresentano uno strumento insostituibile della prevenzione individuale e della Salute Pubblica”.

 

 

La lista dei docenti e Ricercatori UNIBA e Enti di Ricerca che hanno firmato la lettera aperta:

 

-Angelo Vacca, Prorettore Università degli Studi di Bari "Aldo Moro", Direttore della UOC Medicina Interna Universitaria "G. Baccelli", Presidente Onorario della Società Italiana di Immunologia, Immunologia Clinica e Allergologia

-Tino Gesualdo, Presidente Scuola di Medicina, Direttore UOC Nefrologia Dialisi e Trapianto di Rene

-Cinzia Germinario, Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana, Responsabile Scientifico Osservatorio Epidemiologico della Regione Puglia

-Maria Chironna, Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana, Responsabile del portale regionale www.vaccinarsinpuglia.org

-Domenico Otranto, Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria

-Nicola Decaro, Vicedirettore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Sanità Animale e Zoonosi

-Michele Quarto, Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana, Direttore UOC Igiene

-Eugenio Nappi, Giunta Esecutiva dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

-Salvatore Vitale Nuzzo, Direttore del Dipartimento Interateneo di Fisica "M. Merlin"

-Luisa Torsi, Dipartimento di Chimica, Presidente della European Material Research Society

-Susanna Cotecchia, Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica, Coordinatore del Consiglio Interclasse di Biotecnologie

-Alessio Pollice, Dipartimento di Economia e Finanza, Membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Statistica

-Filippo Lanubile, Dipartimento di Informatica

-Cinzia Giannini, primo ricercatore CNR, Istituto di Cristallografia

-Roberto Perrone, Direttore Dipartimento Farmacia-Scienze del Farmaco

-Maria Svelto, Direttore Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica

-Canio Buonavoglia, Dipartimento di Medicina Veterinaria

-Roberto Bellotti, Vice-Direttore del Dipartimento Interateneo di Fisica "M. Merlin"

-Roberto Voza, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza

-Irene Canfora, Coordinatrice dei Corsi di Studio del Dipartimento di Giurisprudenza

-Marina Castellaneta, Dipartimento di Giurisprudenza

-Giuseppe Morgese, Dipartimento di Scienze Politiche



loading...