Martedì, 16 Gennaio 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ospedale della Murgia, nasce il nuovo reparto di Otorinolaringoiatria: avrà dieci posti letto

Rilasciata nei giorni scorsi l'autorizzazione all'esercizio

Pubblicato in Salute il 28/12/2017 da Redazione

È stata rilasciata nei giorni scorsi l’autorizzazione all’esercizio di uno dei nuovi reparti nell’ospedale della Murgia ‘F.Pirenei’. Si tratta dell’Unità operativa di Otorinolaringoiatria con dieci posti letto.

A dare l’annuncio è il consigliere regionale Enzo Colonna: “Si prosegue, così, verso la piena attuazione del piano di riordino ospedaliero che – spiega in una nota - ricordo, attribuisce al “Perinei”, classificato come ospedale di I livello, un ruolo di rilievo nel sistema sanitario pugliese, prevedendo, infatti, un cospicuo incremento dei posti letto rispetto alla situazione precedente (in totale, 228), l’attivazione di nuovi reparti (neonatologia, neurologia, oculistica, oncologia, otorinolaringoiatria, riabilitazione funzionale, utic, urologia) e il potenziamento di reparti esistenti (ostetricia–ginecologia, terapia intensiva).

“Mi auguro ora che presto si possa avviare l’iter autorizzativo e di accreditamento – continua Colonna - anche per la nuova e tanto attesa struttura del Servizio Trasfusionale per la cui attivazione ormai ci sono tutte le condizioni: medici trasfusionisti e tecnici di laboratorio già assunti, attrezzature già acquisite o in arrivo nelle prossime settimane. Al Servizio Trasfusionale dell’Ospedale Perinei è stato anche attribuito il codice identificativo: è I1832."

"La possibilità di avviare il servizio nei primi mesi del 2018 - conclude Colonna - come avevo annunciato da tempo, è ormai molto realistica. Ricordo che l’attivazione di questo servizio consentirà non solo di raccogliere, ma anche di conservare e disporre in sede del sangue necessario per le trasfusioni (cosiddetta Banca del Sangue) e di rendere più efficienti e sicuri tutti gli interventi per i quali sono necessarie trasfusioni, evitando di far ricorso a sacche ematiche conservate presso altre strutture regionali”.



loading...