Mercoledì, 18 Luglio 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, arriva il codice viola: ecco il soccorso dedicato ai pazienti colpiti da arresto cardiaco

L'impiego del massaggiatore meccanico e dell’impianto dell’ECMO permetterà di guadagnare tempo necessario per valutare la migliore diagnosi per il paziente

Pubblicato in Salute il 19/06/2018 da Redazione

Ogni anno in Italia 60mila persone subiscono un arresto cardiocircolatorio, (in Puglia circa 4mila) di cui si salva soltanto il 5%.  Questi alcuni dei dati presentati in occasione di ICT Innovation Cardiovascular Therapuetics, il primo Corso di Alta formazione sulle innovative terapie cardiovascolari, promosso dal Professor Alessandro Santo Bortone coordinatore dell’Emodinamica Interventistica del dipartimento di Emergenza e Trapianti del Policlinico di Bari e organizzato presso la Fiera del Levante grazie alla collaborazione di Italiana Congressi.

In uno spazio di 2.600 metri quadri di esposizione delle più avanzate tecniche di emodinamica interventistica: dalle nuove procedure di cardiochirurgia alle ecografie in 3D, dalla Cardio Risonanza Magnetica al primo soccorso con nuovi sistemi di assistenza meccanica al circolo. Tra le 5 sessioni tenutesi nelle 12 aule didattiche di grande impatto è stata la simulazione del soccorso Codice Viola, organizzata dalla Cardiochirurgia del Policlinico di Bari in collaborazione con la Centrale Operativa 118  Puglia e il centro di formazione Goodfor Lab. A breve il nuovo codice verrà introdotto nel policlinico di Bari ed è un soccorso dedicato a tutti quei pazienti che subiscono un arresto cardiaco refrattario alle manovre tradizionali.

Nel 70% dei casi di arresto cardiocircolatorio si tratta di una fibrillazione ventricolare, dunque, potenzialmente curabile con il defibrillatore. Se si riesce ad intervenire nei 5 minuti successivi la percentuale di sopravvivenza aumenta e il danno neurologico è ridotto. Ai convenzionali trattamenti rianimatori attualmente in atto sul territorio, si aggiunge il Codice Viola attraverso la tecnica ECLS, ovvero il cosiddetto supporto vitale extracorporeo.

Il Codice Viola è un’opportunità in più che permette ai medici grazie all’impiego del massaggiatore meccanico e all’impianto dell’ECMO (circolazione extracorporea esterna) di guadagnare tempo necessario per valutare la migliore diagnosi per il paziente, che può recuperare la sua funzionalità cardiaca oppure diventare candidabile ad un trapianto di cuore. Ulteriore opportunità della tecnica che, grazie alla circolazione extracorporea lascia in vita gli organi, è quella di donarli a cuore fermo.
Con ECLS, tecnica di supporto vitale extracorporeo, grazie al macchinario ECMO si salva una vita su 4. L’evento di simulazione è stato dedicato a tutti i pazienti che non ce l’hanno fatta e coloro che sono sopravvissuti grazie a l’ECMO.



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet