Martedì, 21 Novembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Filippo Anelli confermato presidente dell'Ordine dei Medici di Bari

Resterà in carica per il triennio 2018-2020. Conferma anche per il vicepresidente Franco Lavalle.

Pubblicato in Salute il 17/10/2017 da Redazione

Filippo Anelli confermato all’unanimità presidente dell’Ordine dei medici di Bari. La decisione è arrivata durante le elezioni delle cariche del nuovo consiglio direttivo. Conferma anche per il vicepresidente Franco Lavalle. Eletto segretario Giuseppe D’Auria. Il neoeletto Nicola Achille, componente della CAO, Commissione Albo Odontoiatri, è stato invece investito della carica di tesoriere. Il 13 Ottobre scorso la nuova Commissione Albo Odontoiatri aveva proclamato Presidente CAO Alessandro Nisio. Sebastiano Di Bari guiderà invece come Presidente il Collegio dei Revisori dei Conti composto da Rocco Guerra, Giovanni Maurogiovanni e Mariantonietta Monteduro (supplente).

Il Consiglio direttivo che si è insediato ieri è quello uscito dalle assemblee elettorali per il rinnovo degli organi istituzionali (triennio 2018-2020) dello scorso 22, 23 e 24 settembre, che hanno visto una partecipazione in linea con quella di tre anni fa.  Hanno votato 1531 medici e 363 odontoiatri, ben al di sopra del quorum, rispettivamente di 901 e 132. Con 1286 preferenze, Filippo Anelli è risultato il più votato. Nicola Achille e Alessandro Nisio sono entrati di diritto a fare parte del Consiglio Direttivo come primi due odontoiatri presenti in graduatoria tra gli eletti in qualità componenti della Commissione Albo Odontoiatri. Gli altri componenti del Consiglio Direttivo sono Filippo Anelli, Franco Lavalle, Giuseppe D’Auria, Antonio Amendola, Michele De Fazio, Gaetano Bufano, Pietro Scalera, Roberto Russo, Patrizia Liguori, Giuseppe Ciracì, Donato Rosario Iannuzziello, Giuseppina Grasso, Salvatore Schiavone, Giandomenico Stellacci, Roberta Ladisa.

La presenza di donne all’interno degli organi direttivi – uno dei problemi storici degli Ordini a livello nazionale – pur rimanendo minoritaria, è raddoppiata rispetto al triennio precedente.

 Il Presidente Anelli ha concentrato il suo discorso di apertura sul ddl Lorenzin: “Avremmo voluto una legge di riforma degli ordini che migliorasse la legge istitutiva del 1946. Una legge moderna, capace di rispondere al nuovo contesto sociale e al veloce avanzare del progresso scientifico e tecnologico e che mettesse gli enti di governo della professione in grado di incidere realmente sulla tutela del diritto alla salute dei cittadini e sulla qualità del lavoro dei medici. Invece, la legge attuale incide solo sui meccanismi elettorali, con un esito che definerei eversivo. Se applicata oggi decapiterebbe infatti l’attuale dirigenza, perché impedirebbe alla quasi totalità dei Presidenti degli ordini di continuare il proprio lavoro. Anche a riguardo dei meccanismi elettorali e della necessità di ampliare la partecipazione al voto e la rappresentatività avremmo voluto un dialogo con la politica.”

 “Siamo sicuri che la sanità richieda dei medici che siano meri tecnici?” – continua Anelli – “Il medico rappresenta l’unico vero garante del diritto alla salute dei cittadini, proprio perché è libero e autonomo. Se perde queste prerogative, e viene ingabbiato in una griglia come si è tentato di fare col decreto appropriatezza, perde la possibilità di tutelare il paziente. Abbiamo davanti un triennio di sfide, a partire dalle diseguaglianze in termini di salute tra nord e sud del paese che vedono al meridione minori risorse, meno posti letto, una mortalità più alta. Più che parlare di autonomia dovremmo parlare di uguaglianza dei diritti di tutti gli italiani. Una prova di maturità l’hanno data proprio i presidenti degli ordini dei medici di tutta Italia, che hanno votato all’unanimità l’ordine del giorno da noi proposto sulla perequazione dei fondi sanitari. Portiamo avanti allora insieme la battaglia per difendere i 3 pilastri del nostro sistema sanitario nazionale: solidarietà, universalità, equità.”



loading...