Venerdì, 18 Agosto 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Puglia, aumentano i casi di Epatite A tra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini

Secondo una ricerca condotta dall'Osservatorio Epidemiologico regionale sono stati segnalati 10 casi nei primi tre mesi del 2017

Pubblicato in Salute il 17/03/2017 da Redazione

Da settembre 2016 ad oggi, in Europa e in alcune regioni italiane, è stato registrato un eccesso di epatite A tra Men who have sex with men (MSM), uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. È quanto riportato da una ricerca dell’Osservatorio Epidemiologico della Regione Puglia condotta da Domenico Martinelli, Maria Giovanna Cappelli, Giulia Del Matto, Anna Morea e Maria Chironna.

In Puglia, dal 1 gennaio al 28 febbraio 2017, sono stati segnalati dieci casi di epatite A, tutti maschi, di età compresa tra i 28 e i 49 anni. Quattro casi hanno riferito di aver avuto rapporti sessuali con altri uomini nelle 8 settimane precedenti l’inizio dei sintomi. Le sequenze virali di sei casi sono risultate altamente correlate tra loro e direttamente riconducibili al virus responsabile dei focolai epidermici tra MSM in Europa e Italia.

Sebbene al momento non si ravvisino particolari condizioni di rischio per una recrudescenza della malattia nella popolazione generale, appare concreto il rischio della sua diffusione nella comunità di MSM pugliesi. Le misure di prevenzione più efficaci sono la sorveglianza sanitaria dei casi e la vaccinazione dei contatti stretti (compresi i partner sessuali) di casi probabili e confermati di epatite A.

Sebbene in Puglia sussista sempre il rischio del passaggio del virus nella catena alimentare, considerate le abitudini alimentari della popolazione, la vaccinazione universale dell’infanzia continua a esercitare un notevole effetto di protezione di massa. Questo effetto indiretto ha controllato, ad esempio, la diffusione nella nostra regione dell’epidemia di patite A da frutti di bosco verificatasi negli anni scorsi a livello europeo.

Dal 1 gennaio 2016 il vaccino anti-epatite A è inserito nella lista dei farmaci carenti dall’Agenzia italiana del Farmaco. Anche in Puglia il vaccino non è al momento disponibile nella Asl di Bari e Bt e nell’area sud della Asl di Lecce.

L’epatite A è una malattia grave. Vaccinazione e sorveglianza sanitaria dei contatti garantiscono il controllo della diffusione. Per avere più risposte dettagliate è possibile rivolgersi al servizio di igiene e sanità pubblica della propria Asl di riferimento o all’osservatorio epidemiologico della Regione Puglia (mailinf@oerpuglia.org.).  



loading...