Martedì, 21 Novembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Forum Mediterraneo sanità, Emiliano: 'Costretti a fare i miracoli per mantenere elevati standard di assistenza'

Il governatore pugliese: 'Cerchiamo di dotare la sanità pugliese di tutte quelle apparecchiature che sono necessarie per la diagnosi e la cura, soprattutto per evitare i viaggi della speranza'

Pubblicato in Salute il 12/09/2017 da Redazione

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano questa mattina ha aperto i lavori del Forum Mediterraneo della Sanità 2017, in programma oggi e domani, nelle sale del Nuovo Centro Congressi della Fiera del Levante. Innovazione e sostenibilità delle cure: le proposte da Sud, questo il tema delle due giornate di lavori, confronto, dibattito.

“Come è noto a tutti - ha detto Emiliano a margine dei lavori - il sistema sanitario pugliese, gestisce più o meno gli stessi assistiti dell’Emilia Romagna, ma rispetto a questa regione ha 15mila addetti in meno tra operatori e medici e riceve circa 800 milioni di euro in meno di finanziamenti dal Fondo Sanitario Nazionale. Siamo costretti, dunque, a fare i miracoli per mantenere elevati standard di assistenza e servizi efficienti e l’unico modo per farlo è investire sull’innovazione in particolare sulla telemedicina che consentirà di dotare il sistema dell’emergenza/urgenza della possibilità di stabilizzare tutti i pazienti acuti già durante il trasporto in elicottero o in ambulanza”.

La sfida è quella di “dotare la sanità pugliese - ha aggiunto il Presidente Emiliano - di tutte quelle apparecchiature che sono necessarie per la diagnosi e la cura, soprattutto per le malattie oggetto di viaggi della speranza. Ci stiamo provando. E’ una sfida che significa anche privare le regioni settentrionali di quei finanziamenti che ricevono in forza dei viaggi della speranza da Sud verso Nord. Se riusciremo a curare qui i nostri pazienti, il sistema sanitario del Nord rischia di sbilanciarsi e di crollare. Si tratta di un cambiamento radicale e profondo rispetto a quanto è  sempre avvenuto nel nostro Paese”.

Anche i processi innovativi possono essere oggetto di critiche e polemiche “ma su questi temi - ha proseguito Emiliano - è necessario un passo diverso perché siamo di fronte ad un’avventura comune. In questa ottica la legge sulla Partecipazione varata dalla Regione è una leva  fondamentale che consentirà a tutti di offrire un contributo costruttivo e, se necessario, di intervenire sulle decisioni assunte e sui sistemi adottati”.

“Andiamo avanti con umiltà e con caparbietà - ha concluso Emiliano - senza clamore, mantenendo la nostra rotta, portando a casa i risultati e continuando a innovare e ad allargare i processi partecipativi”.

La prima sessione di lavori è stata presieduta da Giovanni Gorgoni, commissario di Aress Puglia. “Proprio la partecipazione - ha sottolineato  - è uno dei temi forti del Forum della Sanità perchè la partecipazione consente di avere proposte aderenti con le esigenze, i bisogni e le necessità del territorio”.

Giancarlo Ruscitti, Direttore del Dipartimento Promozione della Salute della Regione Puglia ha sottolineato come “il piano operativo 2016/18 si basi fortemente sull’innovazione tecnologica e molte  delle soluzioni adottate siano pugliesi, sviluppate da pugliesi. Nel cambiamento non abbiamo bisogno di cercare altrove le soluzioni, le abbiamo in casa. Ieri abbiamo registrato e stampato 70mila certificati vaccinali, vuol dire che il sistema Puglia basato sull’anagrafe vaccinale digitalizzato e il sistema delle farmacie collegate ai nostri Cup ha dato ai pugliesi un servizio importante e gratuito”. 



loading...