Venerdì, 15 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Brindisi, pazienti talassemici costretti a lunghe attese per le trasfusioni: il sangue arriva da Andria

Il centro trasfusionale dell'ospedale Antonio Perrino dispone di poche scorte di sacche a causa della crisi ematica che ha colpito la Puglia negli ultimi mesi

Pubblicato in Salute il 03/10/2015 da Redazione
Otto ore. È questo il tempo di attesa per un malato che deve sottoporsi ad una trasfusione di sangue presso il centro trasfusionale dell’ospedale Perrino di Brindisi. Secondo quanto riportato dal Quotidiano di Puglia, le sacche di sangue arriverebbero da Andria. A gravare sul reparto ospedaliero è la grande crisi ematica che dura ormai da qualche mese. Ci sono sempre meno donatori e il sangue disponibile per le trasfusioni scarseggia. La situazione ha portato alla diminuzione delle scorte necessarie nei frigoriferi brindisini. I pazienti sono costretti a sottoporsi a 4 diverse trasfusioni, una a settimana.
La diversa somministrazione del sangue ‘buono’ comporta alcuni problemi per i malati, infatti il tasso di emoglobina malato scende e si presentano i sintomi peggiori della talassemia: stanchezza, debolezza, aspetto pallido e irritabilità.
I tempi di attesa delle trasfusioni sono lunghissime: in molti casi i pazienti aspettano dalle otto alle dieci ore in reparto, attendendo che il sangue arrivi da Andria.
Una situazione insostenibile, che incide negativamente sulla vita dei soggetti talassemici.